I social media hanno svolto un ruolo fondamentale nell’assalto a Brasilia

I social media hanno svolto un ruolo fondamentale nell’assalto a Brasilia

AFP

Notizie ONS

  • Boris van der Speck

    corrispondente dal Cile

  • Boris van der Spek

    corrispondente dal Cile

Quello che era il 6 gennaio 2021 per gli Stati Uniti è diventato l’8 gennaio 2023 per il Brasile. Il somiglianze tra la presa del Campidoglio a Washington e la presa della Piazza dei Tre Poteri a Brasilia sono formidabili.

Un presidente populista che non accetta la sua sconfitta elettorale, notizie sui social media di brogli elettorali, polarizzazione e divisione e un possibile scoppio di violenza che culmina in un assalto al cuore democratico del Paese. E proprio come negli Stati Uniti, i social media hanno svolto un ruolo importante in Brasile.

Due giorni dopo l’assalto del palazzo del parlamento, della Corte Suprema e del palazzo presidenziale in Brasile, si fa il bilancio. Il presidente Lula, il suo ministro della Giustizia Flávio Dino, il capo della giustizia Alexandre de Moraes concordano tutti sul fatto che i colpevoli debbano essere severamente puniti.

Almeno 1.500 persone sono state arrestate. Ma la grande domanda di fondo rimane: quanto è stato spontaneo?

Il ruolo essenziale dei social media

Un’analisi dei social network mostra che da almeno diversi giorni si parla di come dovrebbe andare questa domenica. I sostenitori di Bolsonaro, contrari ai media mainstream, si sono riuniti nei gruppi di Telegram e ricevono informazioni tramite Facebook e WhatsApp.

La scorsa settimana, in particolare, il termine “Festa de Selma” è stato usato frequentemente nei gruppi di social media dei sostenitori di Bolsonaro. Festa come una festa, Selma una corruzione di Selva, un grido di battaglia militare. In altre parole: una versione portoghese di #StopTheFlight, che si riferisce agli sviluppi che hanno portato alla cattura del Campidoglio degli Stati Uniti. Meta, la società madre dietro Instagram, Facebook e WhatsApp, ha da allora annunciato che rimuoverà quei post.

READ  Ma quale sarà il nuovo programma di Matthijs van Nieuwkerk?

Anche l’hashtag #primaverabrasiliana (“Primavera brasiliana”) è popolare tra i sostenitori di Bolsonaro da settimane. E quando l’assalto era in pieno svolgimento, i fan hanno condiviso con l’hashtag #manifestacao o filmati di “protesta” della distruzione che hanno inflitto ai tre edifici governativi occupati.

Guarda come le cose sono andate così fuori controllo nella sequenza temporale qui sotto:

Cronologia: l’assalto a Brasilia e i segnali che lo hanno preceduto

Proprio come due anni fa, quando fu preso d’assalto il Campidoglio degli Stati Uniti, i social media hanno svolto un ruolo fondamentale in questo tentativo di soggiogare una democrazia. E proprio come due anni fa, le società di social media sono intervenute solo quando il danno era già stato fatto.

Il fatto che gli eventi a Brasilia siano stati ben organizzati è ancora una volta evidente dai messaggi su Telegram e Facebook. I gruppi di social media in cui i sostenitori intransigenti di Bolsonaro parlano da mesi di un intervento militare hanno invitato le cosiddette “carovane della libertà” a venire nella capitale. Luoghi, date e orari di ritiro sono stati condivisi.

E con risultato: secondo i media locali, migliaia di sostenitori di Bolsonaro sono stati portati a Brasilia questo fine settimana da almeno un centinaio di autobus provenienti da diversi stati. Il ministero della Giustizia brasiliano ha annunciato che controllerà tutte le targhe di questi autobus, alla ricerca di chi ha finanziato questo raid.

Forze sottostanti

E quanto membri del partito dell’ex presidente sono stati coinvolti nelle violenze di domenica?

Ibaneis Rocha, governatore di Brasilia e fedelissimo di Bolsonaro, è già stato estromesso da almeno tre mesi, mentre Anderson Torres, ministro della Giustizia sotto Bolsonaro e capo della polizia di Brasilia, ha ricevuto un mandato di ‘arresto’.

Durante l’assalto, il cugino dell’ex presidente era presente nel palazzo del parlamento, secondo le immagini che circolano sui social, insieme a diversi ex dipendenti governativi di Bolsonaro, che ora si trova negli Stati Uniti.

Secondo il ministro della Giustizia Dino, imprenditori del settore agricolo, tra gli altri, hanno contribuito al noleggio di autobus a Brasilia. I beni delle aziende che in un modo o nell’altro hanno svolto un ruolo di supporto nell’assalto saranno congelati.

Politicamente uniti

Lula e il suo governo rafforzeranno l’apparato di sicurezza del Brasile nelle prossime settimane. Questa è un’altra grande questione per il presidente appena insediato: chi nell’esercito e nella polizia è disposto a permettere che la violenza rovesci un governo eletto democraticamente?

Un vantaggio per Lula è che l’assalto alle tre potenze in Brasile ha unito gran parte della politica. Si riconosce che l’unità e la cooperazione sono attualmente le uniche armi contro l’estremismo. Ora che la maggior parte dei campi di sostenitori di Bolsonaro è stata ripulita e la maggior parte dei partecipanti all’assalto è stata arrestata, il nuovo governo può concentrarsi sulla ripresa. La democrazia brasiliana ha vacillato durante il fine settimana e la strada per la ripresa sarà lunga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *