Gabinetto e coalizione continuano a discutere il piano contro l’aumento dei costi energetici |  ADESSO

Gabinetto e coalizione continuano a discutere il piano contro l’aumento dei costi energetici | ADESSO

Gabinetto e coalizione continuano a discutere il piano contro l’aumento dei costi energetici |  ADESSO

Il gabinetto e i capigruppo dei partiti di coalizione VVD, D66, CDA e ChristenUnie discuteranno più dettagliatamente lunedì quali misure possono adottare contro l’aumento dei costi energetici. Ci sono state anche consultazioni domenica, ma questo non ha portato a un accordo. Secondo gli addetti ai lavori, si parlava comunque di un price cap.

Nel caso di un limite di prezzo, le aziende non possono addebitare per l’energia più del prezzo massimo fissato. Quasi sicuramente non ci sarà alcun limite per il pieno consumo di energia.

Gli hanno detto le fonti ANNO DOMINI che gli utenti medi pagavano il prezzo dell’energia prima della guerra in Ucraina. L’attuale prezzo dell’energia si applicherà per un uso aggiuntivo. Dallo scoppio della guerra, il prezzo del gas è aumentato notevolmente.

Gli addetti ai lavori non hanno potuto confermare esattamente dove sarà il confine. Il piano è molto simile alla proposta che i partiti di opposizione GroenLinks e PvdA hanno presentato all’inizio di settembre. Già allora avevano suggerito che la vecchia tariffa si applicasse per consumi fino a 1.500 metri cubi di gas e 3.300 kWh di elettricità.

Gabinetto: difficile fare qualcosa quest’anno

Il ministro Rob Jetten (clima ed energia) ha descritto l’idea come “molto costruttiva”, ma ha avvertito che sarebbe difficile introdurre la misura quest’anno. I piccoli fornitori, in particolare, avrebbero difficoltà ad attuare questa misura.

Il governo ha già promesso che nessuno sarà tagliato dall’elettricità quest’inverno perché non può pagare il conto. Tuttavia, il governo e la coalizione stanno ancora discutendo esattamente come questo dovrebbe essere organizzato. Questo può avvenire attraverso un fondo o crediti per le società energetiche, quindi non hanno problemi se molti clienti iniziano a pagare di meno.

READ  "Chiedo danni per la trasmissione video" - Corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *