Gaza, notte di combattimenti tra Israele e Hamas. Fonti palestinesi: “Almeno 24 morti nel raid, di cui 9 bambini”

Ventiquattro ore di attacchi ininterrotto, di razzi, feriti e vittime, in un conflitto che si aggrava con l’invio di truppe israeliano al confine con Spogliarsi e il richiamo di 5.000 riservisti. Il lancio di oltre 200 razzi da Gaza a Israele è andato avanti tutta la notte e la risposta è arrivata dall’esercito di tel Aviv, che ha colpito più di 130 obiettivi militari nell’enclave palestinese e soprannominata Operazione Guardian of the Walls, supponendo che i combattimenti continueranno per diversi giorni. L’esercito ha anche riferito di aver colpito una cella di Hamas che ha usato missili anticarro a Gaza e ha detto che “continuerà ad agire contro qualsiasi attività terroristica”.

Lo scontro è stato innescato dall’ultimatum di Hamas che, di fronte al mancato ritiro delle truppe israeliane dall’area della moschea di Al Aqsa e sì Sheikh Jarrah, Un quartiere palestinese Gerusalemme è, ha lanciato sei razzi contro la città a cento chilometri di distanza. Non era stato colpito dal 2014. Ci sono 24 morti a Gaza, – dove a loro volta le milizie palestinesi hanno soprannominato la loro offensiva “ Operazione Jerusalem Sword ” – e tra loro, ci sono anche 9 bambini, mentre più di 103 persone sono rimaste ferite. Fonti militari citate dai media israeliani invece di 15 miliziani Gli agenti di Hamas sono stati uccisi mentre otto compagnie di riservisti della guardia di frontiera israeliana sono state richiamate in servizio. Nella notte a Lod, città a 15 chilometri da tel Aviv, un arabo israeliano è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco.

I lanci da Gaza sono proseguiti questa mattina con un attacco Ashkelon, una città costiera non lontana dalla Striscia. il Tempi di Israele ha scritto che le sirene di allarme si sono attivate in tutta la comunità di Kerem shalom, nel sud di Israele. Il portale delle notizie Ynet riferisce che anche la giunta regionale del Eshkol suonarono le sirene. I razzi hanno colpito un edificio: in un appartamento, il proprietario – secondo i media – è rimasto gravemente ferito, mentre sua moglie ei loro due figli leggermente. In un altro appartamento, due persone sono rimaste ferite. Tutti sono stati ricoverati in ospedale. Manifestazioni anche in altri luoghi arabi d’Israele.

READ  Afghanistan, la storia di Zaki Anwari: 19 anni, calciatore promettente e brillante studente, è uno degli "uomini che cadono" schiacciati dal Boeing a Kabul

Guerriglieri a Lod – Gravi disordini si sono verificati la scorsa notte nella città di popolazione mista di Lod, a è di tel Aviv. Il giornale Makor rishon aggiornamenti attaccati dai manifestanti arabi residenti gli ebrei in due parti della città. Negli incidenti, due manifestanti sono stati feriti da fuoco e uno di loro è morto poco dopo essere stato ricoverato in un ospedale cittadino. A quanto pare è stato colpito da un ebreo che temeva sarebbe stato linciato dal manifestanti dopo aver già attaccato una stazione di polizia, un museo e un collegio rabbinico.

Reazioni dal mondo arabo – Sit-in e raduni di solidarietà dei palestinesi di Gaza e banca occidentale avvenuto nelle scorse ore nei vari campi profughi palestinesi di Libano. Media su Beirut segnalare questa mattina raduni notturni nei campi di Sidone, a sud della capitale, nella valle orientale di Bekaa, in quelli vicini a Tripoli al Nord. Manifestazioni di solidarietà si sono svolte, sempre nelle ultime ore, davanti all’ambasciata palestinese a Beirut e vicino a moschee vicino a gruppi islamici in solidarietà con le rivendicazioni palestinesi a Gerusalemme est e Moschee Esplanade. Si sta verificando anche un’escalation di violenzaArabia Saudita, che “condanna con la massima fermezza gli attacchi delle forze di occupazione israeliane alla santità della moschea di Al-Aqsa e alla sicurezza dei fedeli”. La monarchia del Golfo, che riafferma la sua posizione per uno stato palestinese indipendente entro i confini del 1967 con Gerusalemme È come capitale, fa appello “Comunità internazionale ritenere l’occupazione israeliana responsabile di questo arrampicata e fermare immediatamente le sue azioni crescenti che violano il diritto e gli standard internazionali ”. Anche il segretario generale della Lega Araba condanna i raid “indiscriminati e irresponsabili” in Israele, Ahmed Aboul Gheit, che ha definito tel Aviv “Responsabile” della “pericolosa escalation” a Gerusalemme e ha esortato la comunità internazionale ad agire immediatamente per fermare il violenza.

READ  SECONDA ONDA di contagi, il virologo CAPUA ha la ricetta per contrastarlo. Ecco come »ILMETEO.it

L’origine degli scontri – La situazione sì Gerusalemme – caldo già da alcuni giorni – da allora ha iniziato a calare 10 maggio quando, secondo il Polizia Stradale, migliaia di Palestinesi barricato Esplanade ne hanno iniziato uno gatto tiro di pietra e lanciare oggetti contro agenti in tenuta da sommossa. Poco prima, per cercare di placarli tensioni, le autorità israeliane avevano deciso di impedire l’ingresso nel Pietra per lastricati per i fedeli ebrei – per il quale è il Monte del Tempio – in occasione del Giornata di Gerusalemme che celebra la riunificazione della città dopo la guerra del 1967. Centinaia di manifestanti palestinesi feriti, più di 200 portati in ospedale e 21 agenti di polizia colpiti. L’escalation ha allertato il mondo intero e ha suscitato dure condanne da parte araba. Il Segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha detto che era preoccupato Proseguire violenza nel Gerusalemme È occupati, nonché per i possibili sgomberi di famiglie palestinesi dalle loro case nei quartieri di Sheikh Jarrah e Silwan“. Presidente turco Erdogan – che ha parlato con Abu Mazen e il leader di Hamas Hanyeh – lo ha annunciato tacchino farà tutto ciò che è in suo potere per mobilitare il mondo intero, e in particolare il mondo islamico, per fermare il terrorismo e l’occupazione di Israele ”. Di Ramallah, l’Autorità Palestinese ha descritto l’aggressione come Israele“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *