Russia, sparatoria in una scuola di Kazan: morti e feriti – Corriere.it

Almeno undici vittime della sparatoria avvenuta martedì mattina nel una scuola a Kazan, nella Russia centrale. Alcuni di loro tenterebbero di scappare, lancio dal terzo piano dell’edificio. Più di trenta sono rimasti feriti. Uno degli autori della strage, spiega il Tass, un adolescente di 19 anni, stato arrestato. UNA il secondo aggressore – invece – è stato ucciso, dopo essersi barricato al quarto piano della scuola con ostaggi. Uno degli aggressori responsabili è entrato nell’istituto dall’ingresso principale con un’arma automatica e ha subito iniziato a sparare.

Il raid degli aggressori alla scuola

Secondo alcune fonti citate da Interfax, tra le vittime c’è anche un professore. Ero in classe. Ho sentito prima un’esplosione, poi qualche colpo di pistola, ha detto un insegnante presente durante il raid dei due aggressori. Abbiamo sentito un’esplosione e abbiamo visto il fumo fuori dalla scuola, ha detto un altro testimone a Ria novosti.

Putin ordina di ridurre l’uso delle armi per i civili

Le sparatorie nelle scuole sono rare in Russia. Uno degli ultimi episodi risale al 2018, quando uno studente in Crimea ha ucciso 19 persone, prima di puntare l’arma sull’art. Kazan la capitale di regione prevalentemente musulmana dal Tatarstan e si trova a circa 700 chilometri a est di Mosca. Le autorità della regione hanno dichiarato giorno di lutto per domani, 12 maggio. Nel frattempo, a seguito della sparatoria, il presidente Vladimir Putin ha ordinatorafforzare le regole sull’uso delle armi da civili. Il Presidente ha inoltre espresso le sue più sincere condoglianze ai parenti delle vittime.


11 maggio 2021 (modificato l’11 maggio 2021 | 11:22)

READ  Coronavirus Toscana, 25 agosto: 34 nuovi casi, età media 38 anni - Cronaca

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *