Giordania, sventato complotto contro re Abdullah II: 16 arresti. “Hamza, fratellastro del sovrano, ha minacciato la sicurezza”

Sedici eccellenti personaggi furono arrestati la notte del Giordania per un sospetto “Cospirazione” contro il re Abdullah II. Tra questi spicca il fratellastro del monarca, il principe Hamza bin Hussein. Sebbene Amman inizialmente abbia ufficialmente smentito confermando il suo coinvolgimento, la conferma è arrivata ore dopo dal vice primo ministro. al Safadi: “Il principe Hamza e gli altri hanno minacciato la sicurezza e la stabilità”, ha detto, attaccando i video che stava mostrando, il che “ha distorto il fatti, invocando simpatia locale e straniera ”. Safadi ha aggiunto che l’intelligenza di Paese sventato un “complotto”, dopo averne intercettato certo le comunicazioni quindi “era chiaro che si stavano muovendo dalla pianificazione all’azione”. Safadi, che è anche Il Ministro degli Affari Esteri, ha accusato Hamza di cospirare con elementi stranieri una minaccia alla sicurezza nazionale. Ha detto che gli agenti dell’intelligence stavano monitorando i leader del golpe da un po ‘di tempo e avevano sollevato preoccupazioni con il re, e chiarito che a Hamza è stato chiesto loro di “interrompere tutte quelle attività e movimenti che minacciano l ‘ Giordania e la sua stabilità ”, ma ha rifiutato. Il ministro non ha specificato quali paesi sarebbero stati coinvolti nel complotto. Invece, ha detto quello Bassem Awadallah, un alto ufficiale con legami con vari stati del Golfo Persico, era coinvolto e intendeva lasciare il paese.

Gli arresti – Tra i nomi eccellenti – come confermato dall’agenzia governativa – ci sono Sharif Hassan Bin Zaid e Basem Ibrahim Awadallah, due alti funzionari legati alla casa reale. Il primo – ricordano i media – è stato l’ambasciatore della Giordania in Arabia Saudita e legato anche al principe Ali Ben Hussein, fratello del re. Quest’ultimo era il confidente di lunga data del re Abdullah e anche ministro delle finanze dopo essere stato capo dell’ufficio della casa reale. Awadallah è stata una forza trainante dietro le riforme economiche intraprese nel regno e ha affrontato a lungo la resistenza della vecchia guardia al cambiamento.

READ  Canada, trovati i corpi di centinaia di bambini vicino a una scuola

Il ruolo del fratellastro del re – ioIl nome più importante, però, è sicuramente quello di Hamzah bin Hussein. Il capo di stato maggiore giordano, il generale Yousef al Huneiti, ha affermato di essere stato incaricato di astenersi dal viaggiare e da altre attività che potrebbero essere sfruttate per destabilizzare il regno hascemita. “Nessuno – ha proseguito il generale – è al di sopra della legge e della sicurezza e stabilità del Giordania ha la precedenza su qualsiasi considerazione “. Hamzah è il figlio della regina Noura (di nascita americana), quarta moglie del defunto re Hussein ed è quindi fratellastro di Abdallah II che è piuttosto il figlio della regina Muna (Nato nel Regno Unito), seconda moglie dell’ex monarca. Hamzah (nato nel 1980) è stato nominato da Abdullah principe ereditario nel 1999. Una posizione che ha ricoperto fino al 2004, quando lo stesso Abdallah ha ribaltato la sua decisione. I media hanno ricordato le critiche di Hamzah alla corruzione in Giordania. il Jerusalem Post ha detto che tra i venti arrestati uomini vicini all’ex principe ereditario, compreso il direttore del suo ufficio Yasser Sulieman al-Majali. Anche il direttore di Hamzah Palace, Adnan Abu Hammad, è stato arrestato.

Il video alla BBC: “Sono agli arresti domiciliari” – In un video mostrato a Bbc sostiene il suo avvocato, il principe Hamzah bin Hussein, fratellastro del re Abdullah di Giordania “Essendo stato agli arresti domiciliari questa mattina” e di “non è responsabile del crollo del governo, corruzione e incompetenza che hanno prevalso nel governo negli ultimi 15-20 anni e che ora stanno peggiorando ”. “Siamo al punto in cui – ha detto – nessuno è in grado di parlare o esprimere opinioni su qualsiasi cosa senza di essa essere vittima di intimidazioni, arrestati, molestati e minacciati ”. Nel video registrato oggi, il principe Hamzah racconta: “Ho avuto una visita questa mattina dal Capo di Stato Maggiore delle Forze Armate giordane che mi ha informato che non mi era permesso uscire. Comunicare o incontrare persone perché durante le riunioni avevo partecipato – o sui social network o durante le visite che ho fatto – sono state espresse critiche al governo o al re ”. Il fratellastro di re Abdullah sottolinea non essere stato accusato di criticare se stessi, tuttavia, afferma: “Non sono responsabile del crollo della governance, della corruzione e dell’incompetenza che ha prevalso nella nostra struttura di governance negli ultimi 15-20 anni e ora sta aumentando. E non sono nemmeno responsabile della mancanza di fiducia che le persone hanno nelle istituzioni. È arrivato a un punto in cui nessuno è in grado di parlare o esprimere opinioni su qualsiasi cosa senza essere intimidito, arrestato, molestato e minacciato ”.

READ  Una balena ingoia un pescatore di aragoste, tranne per un colpo di tosse: "A un certo punto è buio"

Il messaggio dagli USA – “Siamo seguire da vicino la situazione e siamo in contatto con i funzionari giordani. King Abdullah è un partner chiave degli Stati Uniti e ha il nostro pieno sostegno ”. Lo ha detto il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price in seguito agli eventi delle ultime ore in Giordania, dove tra gli altri il principe Hamzah, fratellastro del re, sarebbe stato agli arresti domiciliari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *