Giro d’Italia: Arnaud Démare vola verso la vittoria della terza tappa

Arnaud Démare (Groupama-FDJ) ha vinto venerdì la tredicesima tappa del Giro d’Italia. In precedenza, il francese è stato il più veloce nella quinta e sesta tappa. Lo spagnolo Juan Pedro López (Trek-Segafreo) mantiene la maglia rosa di leader.

Dopo 150 chilometri tra Sanremo e Cuneo, è stata la volta delle squadre sprinter, anche se molto vicine. I primi fuggitivi Pascal Eenkhoorn, Julius van den Berg, Nicolas Prodhomme e Mirco Maestri sono stati catturati solo nell’ultimo chilometro.

Nello sprint del gruppo, Démare ha battuto il tedesco Phil Bauhaus e il britannico Mark Cavendish. Dries De Bondt è arrivato settimo.

La tredicesima tappa ha portato il gruppo da Sanremo a Cuneo, in appena 150 km. In linea di principio, era nelle mani dei velocisti, anche se li aspettava un finale difficile. Piove attacchi nella fase iniziale lungo la costa ligure, ma è solo con il tentativo di Julius van den Berg, Filippo Tagliani, Nicolas Prodhomme, Mirco Maestri e Pascal Eenkhoorn che il gruppo si lascia andare.

I primi cinque hanno girato bene, anche se il loro vantaggio ha oscillato a lungo di circa tre minuti. Nel frattempo dal gruppo sono arrivate brutte notizie su Romain Bardet. Il francese, quarto in classifica, ha dovuto assentarsi per problemi di stomaco e intestinali. Nel frattempo, il bonus first mover è salito a poco più di cinque minuti.

Per Tagliani le cose sono andate troppo veloci sull’unica salita classificata della giornata, il Colle di Nava. Ha dovuto abbandonare la parte anteriore sulle parti ripide della salita di 10,1 chilometri.

I quattro fuggitivi hanno esteso il loro vantaggio alle 6:30. Nel gruppo sono intervenuti solo in ritardo. FDJ e Quick Step stanno correndo da tempo per recuperare i fuggitivi. Non è stato fino a quando gli Emirati Arabi Uniti e Israel-Premier Tech sono venuti a dare una mano che il vantaggio è diminuito, ma molto lentamente.

READ  Nikkie de Jager non ha impressionato con la finale italiana dell'ESF

A 40 km i primi avevano ancora quattro minuti bonus, a 20 km erano ancora 2h30. Ha iniziato a diventare teso, anche il gruppo si è sciolto a causa del ritmo elevato. Con ancora 1:05 nella 10 km e 40 secondi nella 5 km è diventato improvvisamente molto vicino e alla fine le fughe sono state superate a 700 metri. In volata, Arnaud Démare ha ottenuto la sua terza vittoria in questo Giro, davanti a Phil Bauhaus e Mark Cavendish. Dries De Bondt è scattato al settimo posto.

Sabato i corridori percorreranno 147 chilometri da Santena a Torino. Si sale e scende tutto il giorno, il percorso è in gran parte su un circuito collinare visitabile due volte.

Dopo 150 chilometri tra Sanremo e Cuneo, è stata la volta delle squadre sprinter, anche se molto vicine. I primi fuggitivi Pascal Eenkhoorn, Julius van den Berg, Nicolas Prodhomme e Mirco Maestri sono stati catturati solo nell’ultimo chilometro. Nello sprint del gruppo, Démare ha battuto il tedesco Phil Bauhaus e il britannico Mark Cavendish. Dries De Bondt è arrivato settimo. La tredicesima tappa ha portato il gruppo da Sanremo a Cuneo, in appena 150 km. In linea di principio, era nelle mani dei velocisti, anche se li aspettava un finale difficile. Piove attacchi nella fase iniziale lungo la costa ligure, ma è solo con il tentativo di Julius van den Berg, Filippo Tagliani, Nicolas Prodhomme, Mirco Maestri e Pascal Eenkhoorn che il gruppo si lascia andare. I primi cinque hanno girato bene, anche se il loro vantaggio era oscillato da tempo intorno ai tre minuti. Nel frattempo dal gruppo sono arrivate brutte notizie su Romain Bardet. Il francese, quarto in classifica, ha dovuto assentarsi per problemi di stomaco e intestinali. Nel frattempo, il bonus first mover è salito a poco più di cinque minuti. Per Tagliani le cose sono andate troppo veloci sull’unica salita classificata della giornata, il Colle di Nava. Ha dovuto abbandonare la parte anteriore sulle parti ripide della salita di 10,1 chilometri. I quattro fuggitivi hanno esteso il loro vantaggio alle 6:30. Nel gruppo sono intervenuti solo in ritardo. FDJ e Quick Step stanno correndo da tempo per recuperare i fuggitivi. Non è stato fino a quando gli Emirati Arabi Uniti e Israel-Premier Tech sono venuti a dare una mano che il vantaggio è diminuito, ma molto lentamente. A 40 km i primi avevano ancora quattro minuti bonus, a 20 km erano ancora 2h30. Cominciava a farsi tesa, nel frattempo anche il gruppo si è sciolto a causa del ritmo elevato. Con ancora 1:05 nella 10 km e 40 secondi nella 5 km è diventato improvvisamente molto vicino e alla fine le fughe sono state superate a 700 metri. In volata, Arnaud Démare ha ottenuto la sua terza vittoria in questo Giro, davanti a Phil Bauhaus e Mark Cavendish. Dries De Bondt è scattato al settimo posto. Sabato i corridori percorreranno 147 chilometri, da Santena a Torino. Si sale e scende tutto il giorno, il percorso è in gran parte su un circuito collinare visitabile due volte.

READ  Jai Hindley ha vinto il Giro, ma MVDP è stato il grande animatore: il Giro d'Italia di Mathieu van der Poel in numeri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.