Gli aumenti dei tassi della BCE aiutano la Russia danneggiando l’economia dell’UE, afferma il ministro italiano

Gli aumenti dei tassi della BCE aiutano la Russia danneggiando l’economia dell’UE, afferma il ministro italiano

Giovedì la BCE ha alzato il suo tasso di riferimento di 50 punti base, come ampiamente previsto, ma ha deluso le speranze che tali aumenti finissero e ha invece avvertito di ulteriori aumenti nei prossimi mesi.

Il ministro della Difesa italiano Guido Crosetto, un membro di spicco del partito Fratelli d’Italia del primo ministro Giorgia Meloni, ha detto a Reuters che la minaccia di ulteriori aumenti sta facendo aumentare i costi dei prestiti e danneggiando un’economia già debole.

“Stiamo creando una situazione dal punto di vista economico e sociale che è il miglior alleato della Russia in questo momento”, ha detto. “Ecco perché quello che ha fatto (il presidente della BCE Christine) Lagarde è ancora più assurdo”, ha aggiunto.

Secondo Crosetto, la Russia spera di approfittare della crisi economica del continente e fare pressione sull’Europa affinché tagli gli aiuti all’Ucraina per porre fine rapidamente alla guerra e alleviare la crisi energetica causata dall’invasione russa.

“La guerra contro la Russia è anche una guerra psicologica che si sta svolgendo non solo in Ucraina, ma anche nelle piazze d’Europa. Hanno il vantaggio, dal loro punto di vista, di avere a che fare con le democrazie”, ha aggiunto.

I responsabili politici della BCE di tutta la zona euro hanno difeso la decisione della banca, affermando che sono necessarie misure severe per riportare l’inflazione nella zona euro, attualmente al 10%, all’obiettivo del 2% della BCE.

Ma Crosetto ha affermato che la BCE non è riuscita a vedere il quadro generale e si è limitata a seguire la teoria economica. Ha esortato Lagarde ad affrontare le preoccupazioni delle aziende interessate dalle sue politiche.

READ  Tuta da lavoro, trovati i 25 mila dispersi nella sede del cognato di Fontana: sequestrati dalla Guardia di Finanza

“Devi giustificarlo politicamente ai tuoi cittadini europei. Non sei un marziano”, ha detto, aggiungendo che il panorama economico dell’Europa è ora peggiore di quanto non fosse durante la pandemia di COVID-19.

“Si sono comportati in un certo modo con il COVID, e in un modo molto diverso ora, come se avessimo avuto una crescita economica, come se tutto andasse bene, come se non ci fosse la guerra”, ha detto Crosetto.

Tali critiche politiche di alto livello alla BCE indipendente sono molto insolite e sono state riprese da altri membri del governo conservatore italiano, salito al potere in ottobre.

Il vicepremier Matteo Salvini ha definito il comportamento della Bce “incredibile, da capogiro, preoccupante”.

Tassi più alti significano maggiori costi di indebitamento per l’Italia, che ha la seconda montagna di debiti più alta d’Europa dopo la Grecia, limitando la capacità del governo di aumentare la spesa e mantenere le sue numerose promesse prima delle elezioni generali di settembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *