L’Italia vuole soldi europei, non obbligazioni – De Groene Amsterdammer

Roma- Nel gennaio di quest’anno il primo ministro italiano Mario Draghi (74) è stato incatenato al suo seggio perché non gli era stato permesso di diventare il nuovo presidente dell’Italia. Perché solo da Presidente del Consiglio potrebbe portare i duecento miliardi di euro del fondo europeo per la ripresa del corona per l’Italia. Naturalmente, ci sono condizioni legate a questa montagna di denaro europeo.

Ma le cose non stanno andando bene con quei termini, secondo l’irascibile appello di Draghi al parlamento la scorsa settimana. Non c’è ancora alcuna riforma legislativa per la gara pubblica dei bar sulla spiaggia che monopolizzano i 3600 chilometri di costa italiana. E questa è una seria richiesta dall’Europa, l’attuazione dello standard Bolkestein per la gestione delle tende da spiaggia che si trovano sul territorio dello Stato italiano e di cui dovrebbe quindi beneficiare anche lo Stato italiano. Finora i bar sulla spiaggia sono sempre stati suddivisi e rimossi alla vista dallo Stato italiano.

Questo è solo un esempio della grande confusione che divide i cosiddetti pnr (“Il Piano nazionale per la ripresa e la resilienza”) rischia di diventare. Naturalmente, una tale montagna di denaro europeo è una calamita per la mafia, le cui tracce sono già state rintracciate nella maggior parte dei progetti. Mentre il 23 maggio 1992 si commemorava solennemente l’attentato al massimo investigatore mafioso Giovanni Falcone 30 anni fa, le elezioni comunali del prossimo mese in Sicilia sembrano essere un altro grande trionfo per la i soliti sospetti diventare.

L’Unione Europea ha invitato l’Italia ad accelerare le riforme necessarie in materia di fiscalità e concorrenza leale, altrimenti la tranche di 40 miliardi di euro entro fine giugno semplicemente non andrà. La risposta è arrivata dal leader di destra Matteo Salvini, che Volksempfinden ha sempre ragione: «L’Italia è perfettamente capace di autogovernarsi. Mi auguro che in questi tempi difficili di guerra e pandemia, l’Unione Europea non si preoccupi di distribuire ranghi burocratici all’Italia. Perché la legge più importante – non scritta – dell’Italia è: io non interferisco con te, tu non interferisci con me.

READ  Contro il pass verde, manifestazioni in varie piazze italiane: da Milano a Roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.