Gli utenti iCloud della versione Windows si lamentano dei video danneggiati – Tablet e telefoni – Notizie

Abbastanza assurdo che tu possa semplicemente accedere ai file di altre persone, non qualcosa che ti aspetteresti da un’azienda che continua a sostenere che sono la migliore soluzione per la privacy.

Andiamo ehi, sono Tweakers, qui stiamo solo aspettando il disastro e il fallimento, stavamo aspettando questo… ;)

Tuttavia, sono d’accordo con te che è un errore un po’ doloroso. Il tipo di errore che ti fa chiedere quante cose devono essere andate storte per arrivare qui.

Ma Apple non è l’unica ad aver commesso errori, anche gli utenti hanno commesso un errore: non è stata utilizzata alcuna crittografia. È un errore comprensibile data l’immagine presentata da Apple, ma è comunque un errore. La crittografia è importante solo se sei l’unico con la chiave e soprattutto se i tuoi dati sono davanti alla porta.

Forse dovrei farmi fare una piastrella:

La crittografia non è crittografia.

Dove

Usa i tuoi contraccettivi.

Dove

Regione delle nuvole orientali, Regione delle nuvole occidentali,
la propria chiave è la migliore!

Ora trova un’altra immagine banale.

Non scherziamo: prenditi cura di (a) la tua crittografia e (b) più backup indipendenti a cui (c) controlli l’accesso. La nostra crittografia per garantire che provider/host non possano divulgare i tuoi dati. I backup multipli sono perché il disastro non arriva mai da solo. È proprio quando hai bisogno di backup che c’è molto stress e si commettono errori. Relativamente parlando, fare più backup costa poco di più. Assicurati di averne diversi. Avere backup è solo metà della storia, considera anche come accedere a quel backup e alle chiavi (!) Se il tuo dispositivo principale (o tutti i tuoi dispositivi) viene perso.

READ  Recensione: Pokémon Scarlet e Violet sono completamente diversi e un po' traballanti | Tecnologia

Devo ammettere che ora abbiamo superato i “semplici” backup se si deve pensare al numero di backup e chiavi e dove sono archiviati*. Ma non è diverso, i problemi non vanno via perché non ci piacciono.

*La gestione di queste chiavi porta naturalmente le stesse sfide di tutti gli altri dati, a questo proposito si tratta principalmente di ridurre il problema e ridurre drasticamente la quantità di dati sensibili (tutto solo per chiave).
Le banche possono avere un buon ruolo da svolgere qui. Il denaro in questi giorni non è altro che frammenti in un sistema informatico sicuro. Forse anche le banche (o i notai) possono fornire un’archiviazione sicura dei dati. Se solo pochi MB per le chiavi.
Possono quindi combinare questo con un servizio in grado di verificare la tua identità in caso di disastro e la possibilità di recuperare denaro e dati.

Potrebbe farlo anche il governo, ma preferisco che il governo svolga il ruolo di monitor neutrale e garantisca che le banche sistemino le cose. Se il governo potesse accedere direttamente ai dati, ci sarebbero sempre dubbi sul fatto che stiano monitorando tutto in segreto e non puoi andartene. Quindi banche piuttosto competitive quindi puoi (almeno in teoria) passare a un’altra.

Anche le aziende tecnologiche potrebbero organizzarlo da sole, ma hanno un po’ lo stesso problema del governo: è quasi impossibile controllare dietro le quinte se le cose sono a posto. Per questo serve un partito grande e forte come il governo, nessun altro può farlo, da comune cittadino non ti è nemmeno permesso vedere cosa stanno facendo le banche o i servizi cloud per mettere al sicuro i tuoi dati, figuriamoci controllare se è fatto bene.

READ  Blizzard consente ai giocatori della console di Overwatch di unire i loro account per Overwatch 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.