Google terminerà il supporto per il sistema di allarme Nest Secure l’8 aprile 2024 – IT – News

Devi solo stare lontano dalla spazzatura a buon mercato quando si tratta di sistemi di allarme. Fa parte del mio lavoro e un sistema di allarme costa semplicemente denaro. Con questi da 2 a 300 euro che paghi in negozio, non hai un sistema da cui aspettarti molto. Un buon sistema di allarme è costoso e ovviamente niente di wireless e dipende dagli ambienti cloud.

Dipende solo dal tipo di sistema che desideri. Se vuoi tutto in uno, quasi sicuramente vieni con un NVR e puoi facilmente pagare oltre $ 1000 per una configurazione di più telecamere.

Noi stessi abbiamo 2 telecamere starlight a casa che emettono tramite Wi-Fi e funziona abbastanza bene. Avere immagini a colori, soprattutto di notte, va bene, nel caso succeda qualcosa.
Basta creare una voce IP statica e abilitare il port forwarding, altrimenti non sarai in grado di guardarlo da remoto. Il salvataggio su una MicroSD va sempre bene e anche il caricamento delle immagini funziona bene (se sai come). L’unico svantaggio di queste fotocamere è che la pagina web è basata su Flash… Ma c’è anche il prezzo (€ 135, – ciascuno). Il vantaggio è che le telecamere supportano ONVIF e possono ragionevolmente competere con le telecamere di Dahua, tra le altre.

Secondo me, se scegli questo tipo di prodotto, non dovresti farti grandi aspettative e non dovresti sorprenderti se improvvisamente smette di funzionare. Un vero sistema di allarme funziona ancora in autonomia e oggi ha accesso al cloud che puoi gestire da solo. Ma se non funziona, puoi sempre andare oltre a livello locale.

Le persone vogliono la convenienza OOBE; scompattare, configurare la connessione e il gioco è fatto. Ad esempio, non vogliono approfondire le impostazioni per eseguire una videocamera separata tramite ONVIF. O che devono configurare il port forwarding sul proprio router, dove non conoscono la password dell’amministratore.
Ecco perché lo realizzano persone come le videocamere Nest o altri produttori; pochi passi e tutto gira. Basta collegare le telecamere al tuo account e “sembra” professionale. Non devono fare nulla per i record stessi, poiché sono comunque conservati dal produttore.

READ  EvdWL sulla debacle di Redfall, le scuse di Phill Spencer e il leak di Zelda

Sono d’accordo con te sul fatto che dovrebbe funzionare da solo e l’unico modo per gestirlo “cloud” è tramite port forwarding o tramite VPN. Ma non appena si va in quella direzione, è già necessario conoscere la sicurezza, il networking e il prodotto stesso. Qualcosa su cui la maggior parte delle persone non vuole passare il tempo perché ha “qualcosa di meglio” da fare.

Tutto ciò che ha a che fare con il cloud per il consumatore verrà interrotto a un certo punto, perché altrimenti costerebbe troppo al produttore continuare a supportare i modelli precedenti. Inoltre, puoi aspettarti che anche con dispositivi abilitati per il cloud, l’hacking avverrà anche lì e la posizione può quindi essere visualizzata abbastanza facilmente tramite l’indirizzo IP pubblico.
Ad ogni modo, i costi non superano i benefici per la maggior parte delle persone, quindi questi tipi di prodotti rimangono popolari…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *