Grecia, ancora in fiamme sull’isola di Evia – Europa

I vigili del fuoco greci stanno lottando contro il tempo sull’isola di Evia per evitare che un enorme incendio raggiunga la città di Istiaia, che ospita migliaia di residenti. La battaglia è durata tutta la notte per contenere le fiamme che hanno imperversato per otto giorni su questa enorme isola alberata a 200 km a est di Atene. “Stiamo aspettando il supporto aereo, ma vedremo se il fumo renderà possibile il sorvolo”, ha detto il sindaco di Istiaia Yiannis Kotzias alla televisione pubblica greca ERT. Nella notte, ad Avgaria, uno dei villaggi vicini alla città, le fiamme hanno attraversato le barriere antincendio create lunedì sera ma il villaggio non ha subito gravi danni. Altri firewall sono stati eretti nei villaggi di Kamaria e Kastaniotissa, secondo l’agenzia di stampa greca Ana. Sull’isola operano circa 650 vigili del fuoco, di cui 250 giunti da Ucraina, Serbia e Romania, oltre a 17 elicotteri, di cui due dalla Svizzera e due dall’Egitto, e otto aerei, di cui tre Canadair francesi, ha chiarito. . Migliaia di ettari sono stati distrutti in Eubea in quegli otto giorni, centinaia di case distrutte e oltre 2.700 persone evacuate via mare.

Per la prima volta dall’inizio della crisi, il primo ministro greco ha ammesso di non essere riuscito ad affrontare gli incendi che hanno devastato la Grecia. “Potremmo aver fatto ciò che era umanamente possibile, ma in molti casi non è stato sufficiente”, ha detto Kyriakos Mitsotakis parlando in diretta televisiva. “Comprendo perfettamente il dolore dei nostri concittadini che hanno visto bruciare le loro case o le loro proprietà. Ma – ha dichiarato il premier come riportato dalla Bbc – il Paese sta affrontando un disastro naturale di portata senza precedenti”.

READ  Joe Biden afferma che gli Stati Uniti puniranno gli aggressori di Kabul

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA