Greenpeace è molto preoccupato per la sicurezza degli occupanti delle foreste

Secondo il direttore Andy Palmen di Greenpeace Paesi Bassi, c’è il pericolo che i tree climber diventino così bagnati e freddi da non poter più scendere in sicurezza. Gli attivisti occupano la foresta per impedire la scomparsa di sette ettari di Sterrebos.

Non sono ammessi controlli di sicurezza

All’inizio di questa settimana Greenpeace ha fornito un controllo di sicurezza, ma questo non è più consentito. Un portavoce del sindaco ha detto stasera che le persone che hanno freddo e umido possono scendere dall’albero. Saranno fermati sul campo, ha detto.

Il sindaco in precedenza era preoccupato per l’incolumità degli occupanti. Ma ci sono poche prove di ciò stasera, osserva una portavoce del gruppo d’azione Red het Sterrebos.

Scopri come è iniziata l’azione in questo video:

Palmen trova inaccettabile la posizione del sindaco. “Queste persone hanno bisogno di corde extra e attrezzatura da pioggia per proteggersi”, ha detto. “In questo Paese, quando i trattori guidano in autostrada, la polizia permette tutto. Se qualcuno si arrampica su un albero, non ha nemmeno il parapioggia”.

Questa mattina un gruppo di attivisti ha tentato di scavalcare le recinzioni che circondano la foresta. Ciò ha portato a 15 arresti. Alcuni di loro sono riusciti ad attraversare la foresta e arrampicarsi sugli alberi. Al momento, ci sono ancora nove persone nella foresta.

Impedire l’abbattimento degli alberi

La foresta è stata occupata da venerdì scorso. La casa automobilistica VDL Nedcar, proprietaria della foresta, vuole abbattere gli alberi per costruire un nuovo capannone di produzione.

VDL ha posizionato telecamere e alte recinzioni intorno alla foresta per impedire alle persone di entrare e uscire. La sicurezza arresta anche chiunque si aggiri nella foresta o voglia entrarvi.

READ  il trend rialzista potrebbe continuare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *