“Groningen maltrattata dallo stato dei Paesi Bassi”

“Groningen maltrattata dallo stato dei Paesi Bassi”

“Groningen maltrattata dallo stato dei Paesi Bassi”

PAPÀ

Notizie ONS

  • Partenza Reinalda

    editore di ricerca

  • Partenza Reinalda

    editore di ricerca

Il commissario del re René Paas, in qualità di 60° testimone davanti alla commissione parlamentare d’inchiesta sull’estrazione di gas naturale a Groningen, ha espresso un severo giudizio sul ruolo del governo nazionale. “Groningen è stata maltrattata dallo stato dei Paesi Bassi”, ha detto. Questo dopo un interrogatorio di oltre due ore, durante il quale ha spiegato quanto siano difficili i rapporti tra gli amministratori del nord e L’Aia.

Paas ha descritto il suo rapporto con l’ex ministro degli affari economici come “non intimo”. Andò meglio con il successore di Kamp, Wiebes, ma la frustrazione di Paas per l’elemosinare denaro e riconoscimento dalla provincia esplose. “Siamo la provincia che ha reso ricchi i Paesi Bassi. Groningen ha diritto al continuo coinvolgimento del governo e del parlamento”. Si riferiva agli oltre 400 miliardi di euro prelevati dal gas dal suolo di Groningen.

L’immagine si inclina

Colpisce il fatto che Paas punti le sue frecce contro lo Stato e tanto meno contro le compagnie petrolifere, che hanno anche guadagnato molti soldi dall’estrazione del gas. In passato, la rabbia si è concentrata principalmente su Shell ed Exxon. È stata la loro sussidiaria, NAM, a dare il via alle cose. All’inizio degli anni ’90, è stato riconosciuto che il risultato erano i terremoti.

Non è solo il Ministero dell’Economia a mettere al primo posto gli interessi commerciali. Ad esempio, Sandor Gaastra, direttore generale per il clima e l’energia di questo dipartimento, ha affermato in precedenza che anche il ministro Wiebes aveva bisogno di argomenti finanziari nel 2018 per chiudere il rubinetto del gas a Groningen. La sicurezza di Groningers non è stata la chiave per ottenere il permesso dal resto del gabinetto.

Scioccante

Durante gli interrogatori di ieri del CEO Marjan van Loon di Shell Netherlands e oggi del direttore di produzione Rolf de Jong di Exxon Netherlands, è emerso che dopo il 2017 le compagnie petrolifere hanno lasciato il controllo nello stato.

Aveva tutto a che fare con un procedimento penale imminente riguardante la messa in pericolo di persone a Groningen dall’estrazione del gas. All’inizio del 2017, il tribunale di Arnhem ha chiesto un’indagine penale contro la NAM in relazione alle conseguenze dei terremoti per gli abitanti di Groningen.

“Quella dichiarazione è stata scioccante”, ha detto oggi De Jong. De Jong e Van Loon hanno detto al comitato che un campo in altre parti del mondo sarà chiuso se la situazione non sarà sicura. Ma a causa della dipendenza dei Paesi Bassi dal gas di Groningen, si sono resi conto che non era un’opzione. Dopo questa chiusura, le compagnie petrolifere volevano continuare a estrarre gas solo se lo stato le avesse obbligate a farlo.

messaggio potente

In vista dell’indagine penale e della loro responsabilità legale, le compagnie petrolifere hanno inviato i loro principali capi al primo ministro Rutte. Alla fine è sfociato in un accordo quadro in cui è stata regolata la chiusura graduale della produzione di gas, ma anche la responsabilità di Shell ed Exxon.

Fino ad oggi, le compagnie petrolifere e lo stato sono in conflitto tra loro per aver interrotto l’estrazione di gas. Attualmente sono pendenti due procedimenti arbitrali. E nemmeno le compagnie petrolifere sono contente di tenere sotto pressione il giacimento di Groningen. Vogliono chiarimenti sull’interruzione dell’estrazione del gas.

Lunedì, Wiebes e Wopke Hoekstra diranno la loro. Quest’ultimo era ministro delle Finanze quando si decise di interrompere le trivellazioni di gas.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *