Guus Meeuwis è completamente pronto per i suoi concerti a New York: ‘Feels good’

Guus Meeuwis è completamente pronto per i suoi concerti a New York: ‘Feels good’

Quando Brabant dorme, Guus Meeuwis distrugge la Webster Hall di New York. “Ci sono stato per alcuni giorni e mi sento bene. Non vedo l’ora di farlo”, afferma un entusiasta Meeuwis. Sarà una notte del Brabante, ma New York non sarà dimenticata, il concerto si aprirà con un classico di Frank Sinatra: ‘New York, New York’.

Foto del profilo di Noel van Hooft

Giovedì abbiamo controllato alla Webster Hall per vedere se era stata immagazzinata abbastanza birra, dato che a Londra e Parigi era finita a metà del concerto. Finora, le città del mondo non erano preparate per una vera festa del Brabante.

“Dubitavamo che dovessimo cambiare i piani”.

Tre anni fa, Guus Meeuwis ha annunciato un concerto a New York. È stato immediatamente esaurito e un secondo è stato rapidamente aggiunto. Ma due volte il concerto dell’anniversario ha dovuto essere posticipato a causa della corona. “Qualcosa è cambiato nel mondo. Rende ancora più speciale il fatto che ora possa continuare”, afferma Meeuwis per le strade di New York.

“Avevamo dei dubbi sul fatto che dovessimo cambiare i piani o fare le cose in modo diverso. Ma le persone che hanno acquistato un biglietto tre anni fa sono rimaste così entusiaste, felici e pazienti che siamo stati felici di continuare con tutto.

“Riconosci i Brabanti a colpo d’occhio.”

E così ora è il momento. Nonostante Guus sia a New York da alcuni giorni, non ha ancora cantato “Brabant” nella sua stanza d’albergo. “No, salvo tutto per venerdì e sabato”, ride. “Poche ore prima del concerto, entriamo in sala per il sound check, poi ‘Brabant’ suonerà per la prima volta”.

Gli americani non hanno idea di chi venga alla Webster Hall, lo sa anche Guus. “Ma negli ultimi giorni è aumentato il numero di batti cinque nella città di 8,5 milioni di persone. Puoi riconoscere i Brabanti a colpo d’occhio. È bello farne parte. »

READ  'Harry e Meghan sono i benvenuti sul balcone nel giorno della regina' | reali

“Inizieremo il concerto perché può essere fatto solo qui”.

Gli olandesi che viaggiano dopo Guus, secondo de Brabander, restano speciali. Ma qual è l’ambizione di esibirsi in tutte queste città del mondo? “Nient’altro che una maglietta. È iniziata con la Royal Albert Hall, che ha finalmente funzionato dopo due anni di appelli. E poi è diventata gradualmente la maglietta di Londra, Parigi, New York. E questa maglietta è qui ora.

Alle otto ora americana, alle due del mattino nei Paesi Bassi, il concerto inizia in America. “Certo, suoneremo molto di noi stessi, dopotutto è il mio compleanno. Ma ci avvicineremo al tema di New York in tutti i modi. Inizieremo il concerto perché è non si può fare qui, inizia Guus Meeuwis ‘Inizia a spargere la voce…’ canticchiare. “Abbiamo dei blazer con noi, quindi devono attraversare Webster Hall molto duramente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *