Hamelin Prog: Schillaci – Non possiamo più permetterci Pronto soccorso affollati. Medici di famiglia collaborano con specialisti ed ex guardie mediche nelle nuove strutture territoriali

Hamelin Prog: Schillaci – Non possiamo più permetterci Pronto soccorso affollati. Medici di famiglia collaborano con specialisti ed ex guardie mediche nelle nuove strutture territoriali

Il Ministro della Salute, Orazio Schillaci, ha parlato dell’importanza di attuare la riforma dell’assistenza territoriale al fine di evitare affollamenti nei pronto soccorso. Secondo il Ministro, la legge di bilancio per il 2024 prevede l’assegnazione di 250 milioni di euro alle regioni nel 2025 e di 350 milioni dal 2026 per l’assunzione di personale per le case di comunità.

Un ruolo fondamentale verrà attribuito ai medici di famiglia, che lavoreranno in equipe con specialisti ambulatoriali ed ex guardie mediche presso le nuove strutture territoriali. Schillaci ha sottolineato che è indispensabile attuare questa riforma per evitare l’affollamento nei pronto soccorso.

Il Ministro ha inoltre discusso della proposta di autonomia differenziata, affermando che potrebbe migliorare l’efficienza delle Regioni e garantire servizi uniformi su tutto il territorio nazionale. Schillaci sostiene che le differenze nell’offerta dei servizi dipendono principalmente dall’efficienza burocratica delle Regioni, indipendentemente dalla coalizione di governo.

Il Ministro ha assicurato che il Ministero della Salute manterrà il suo ruolo di coordinamento, guida e controllo. Inoltre, ha annunciato gli obiettivi per il 2024, tra cui l’aumento dell’indennità per il personale medico e sanitario e l’abolizione dei limiti di spesa per l’assunzione di nuovo personale.

Si spera che questi interventi accelerino il processo di reclutamento di nuovo personale per migliorare il servizio pubblico e ridurre le liste d’attesa. Schillaci ha concluso dicendo che i grandi cambiamenti richiedono tempo, ma che le basi sono state poste per invertire la rotta.

READ  Informazioni più accessibili e maggiore ricorso al digitale: così Big Pharma vuole migliorare il confronto con lAifa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *