I lupi sterminano la loro preda preferita e succede qualcosa di speciale

Gli scienziati si aspettavano che i lupi, che vivono su un’isola al largo della costa dell’Alaska, fossero destinati a morire di fame. Ma non se…

Con sorpresa dei ricercatori, i lupi sono passati senza sforzo a una nuova preda: la lontra marina. È una storia piuttosto singolare, affermano gli scienziati sulla rivista PNAS. Questa è la prima volta che si sa che le lontre marine, esse stesse predatrici, sono diventate la principale fonte di cibo per un predatore terrestre.

Cervo
Nel 2013 i lupi colonizzano l’isola disabitata di Pleasant; un’isola che può essere considerata come l’Alaska e dista circa un miglio dalla terraferma. I lupi hanno semplicemente nuotato verso di lui, dice il ricercatore Taal Levi Scientias.nl. E una volta lì, aprono la caccia al cervo; la loro principale fonte di cibo su quest’isola. Il numero di cervi sta diminuendo a un ritmo allarmante. E una volta che i lupi ebbero mangiato la maggior parte dei cervi, Levi si aspettava che lasciassero presto l’isola o semplicemente morissero. Ma ciò non accade. Invece, i lupi indugiano sull’isola e il loro numero sta aumentando. Ora un nuovo studio aiuta a spiegare come potrebbe essere; i lupi sembrano aver apportato un notevole – ma assolutamente necessario – cambiamento alimentare.

L’inversione di marcia
I ricercatori sono giunti a questa conclusione dopo aver utilizzato i trasmettitori per tracciare i movimenti del branco su Pleasant Island tra il 2015 e il 2021. Hanno anche analizzato gli escrementi di questi lupi durante lo stesso periodo. lo studio indica che nel 2015 la dieta dei lupi era ancora per il 75% carne di cervo, con il restante 25% proveniente da lontre marine, ma nel 2017 – appena due anni dopo – la dieta degli stessi lupi faceva la parte del leone (57% ) di carne di lontra marina e solo il 7% di selvaggina. E così è rimasto negli anni successivi.

READ  Probabili formazioni Benevento-Roma: due titolari di ritorno

Due predatori all’apice
È sorprendente, dice Levi. “Le lontre marine sono predatori famosi negli ecosistemi costieri e i lupi sono uno dei predatori più famosi sulla terra. Quindi è abbastanza sorprendente che le lontre marine siano diventate la principale fonte di cibo dei lupi. Qui ci sono predatori dell’apice che mangiano predatori dell’apice.

caccia attiva
E non è che i lupi debbano accontentarsi delle lontre marine morte. No, tutto indica che i lupi cacciano attivamente le lontre marine Gretchen Roffler. Ed è anche abbastanza speciale. “Occasionalmente mangiare una lontra marina morta non è insolito. Ma il fatto che i lupi mangino così tante lontre marine indica che questo comportamento è ormai diffuso all’interno del branco ed è anche qualcosa che hanno imparato a fare molto rapidamente”. risultato inaspettato che i lupi non solo mangiano le lontre marine, ma cacciano e sopravvivono mangiando principalmente lontre marine”, conclude Levi.

Sulla sinistra vedi il cervo Sitka, che i lupi di Pleasant Island cacciavano ampiamente. Questi cervi pesano, a seconda del sesso, tra i 35 ei 55 chili. Immagine: Steve Hillebrand (via Wikimedia Commons). Sulla destra vedi una lontra marina “Sono più grandi di quanto pensi”, dice Levi. “Pesano fino a 100 libbre e sono il membro più grande della famiglia delle donnole”. Immagine: Maresciallo Hedin (via Wikimedia Commons).

Le lontre marine non sono compromesse
Naturalmente, questo solleva la questione se i lupi non stiano ancora una volta cacciando la preda preferita sopra la lama. Ma non si arriverà a tanto, pensa Levi. “Non pensiamo che i lupi stiano colpendo le popolazioni di lontre marine. Le lontre marine sono molto abbondanti e raramente arrivano a riva, ma quando lo fanno sono vulnerabili.

READ  Preview Bologna-Inter - Conte trova De Vrij e Vidal, fuori Perisic. Tanti dubbi

Poche speranze per i cervi
Allo stesso tempo, il passaggio alle lontre marine non sembra essere in grado di salvare la popolazione di cervi che è crollata per mano dei lupi. “Non sappiamo per quanto tempo i lupi possono sopravvivere ora che i cervi sono quasi estinti”, ha detto Levi. “Ma se anche i lupi sopravvivono a lungo termine, ci aspettiamo che i cervi rimangano rari”.

Il fatto che le lontre marine nel 2023 si siano rivelate essere il salvataggio (provvisorio) dei lupi a Pleasant Island rimane singolare. E un buon secolo fa, sarebbe stato impensabile. Perché nel 19° e 20° secolo, le popolazioni di lontre marine in quest’area furono spazzate via perché, a causa della loro pelliccia, le lontre marine venivano cacciate ampiamente. Solo negli ultimi decenni le popolazioni si sono riprese, grazie alla reintroduzione delle lontre marine e a varie misure di protezione. E questo porta, come mostra questa ricerca, ad alcune nuove interessanti interazioni. E possiamo vederli anche in altri posti, dice Levi. “Se il recupero delle popolazioni di lontre marine nel Nord America continua, potrebbe avere un impatto sostanziale sulle dinamiche tra i predatori terrestri e le loro prede”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *