I Paesi Bassi sostengono un divieto di visto dell’UE per i turisti russi

Jurjen Drenth/immagine olandese

Notizie ONSModificato

I Paesi Bassi appoggiano una proposta per interrompere il rilascio di visti turistici ai russi in tutta l’Unione Europea. Il ministro degli Esteri Hoekstra ha detto a RTL Nieuws che ne discuterà con i suoi colleghi europei a Praga nei prossimi giorni.

Il divieto ai turisti russi è una questione delicata nell’Unione europea. Alcuni paesi hanno smesso di rilasciare visti ai turisti russi dallo scoppio della guerra in Ucraina, come gli Stati baltici e la Repubblica Ceca.

Paesi come Germania, Francia e Cipro sono molto meno inclini a farlo, in parte perché è più difficile per i dissidenti russi fuggire dal regime. Secondo l’agenzia europea di frontiera Frontex, dall’inizio della guerra quasi un milione di russi sono arrivati ​​nell’UE.

Non è più possibile volare direttamente dalla Russia verso i paesi dell’UE perché lo spazio aereo europeo è chiuso agli aerei russi. La maggior parte dei russi entra nell’UE via terra attraverso gli stati baltici.

Soprattutto, Hoekstra spera nell’unità a Praga. Questo è necessario, perché i russi che hanno un visto per un paese dell’UE possono anche visitare tutti gli altri stati membri con questo visto. Ciò avrà effetto solo se tutti gli Stati membri inizieranno a vietare i turisti russi.

Spionaggio

I Paesi Bassi non rilasciano visti turistici ai russi da aprile. Questo perché non c’è personale per elaborare la domanda di visto, ha detto un portavoce del ministero.

Spendi soldi in PC Hooftstraat

Hoekstra vuole solo colpire i turisti russi con il divieto di visto. I visti per studenti, visite familiari o rifugiati dovrebbero continuare a essere rilasciati.

“Da un lato, vuoi contatti interpersonali e vuoi anche distinguere tra lo stato russo e i cittadini russi. Allo stesso tempo, vediamo che la stragrande maggioranza delle persone che vengono qui vengono a spendere soldi nel PC. Hooftstraat. Spesso ricchi russi che sono anche regolarmente affiliati al regime”, ha detto a RTL.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.