I proprietari di Bitcoin continuano a resistere, ma la pressione sta aumentando

I proprietari di Bitcoin continuano a resistere, ma la pressione sta aumentando

Quest’anno il contesto macroeconomico è stato tutt’altro che ideale per molti mercati finanziari. Anche bitcoin (BTC) è sceso di oltre il 60% dall’inizio dell’anno. Nonostante ciò, il volume degli scambi è stato ragionevole dal luglio di quest’anno coerente rimasto. Inoltre, sembra che un gran numero di investitori stia ancora trattenendo il proprio bitcoin nonostante il mercato ribassista. Cosa significa esattamente tutto questo?

I bitcoiner reggeranno?

Fuori dati dalla società di analisi Glassnode mostra che il numero di detentori a lungo termine di bitcoin è in aumento e quindi generalmente non vendono le loro monete. Ovviamente, questo è uno dei motivi per cui il prezzo del Bitcoin è rimasto relativamente stabile negli ultimi mesi.

Da più lontano Appuntamento da Glassnode, il 60% dell’offerta di bitcoin in circolazione è rimasta inattiva per oltre un anno. Sebbene questo sia un segnale positivo e possa portare alla stabilità dei prezzi, non è una garanzia. Nel 2018, un simile periodo di stabilità è stato seguito da un mese sanguinoso. Alla fine del 2018, il prezzo del bitcoin è sceso di non meno del 50% da novembre a dicembre.

Minatori di bitcoin in grossi guai

Tuttavia, al momento c’è molta pressione di vendita, specialmente su minatori di bitcoin. Il tasso di hash è storicamente alto, ma il prezzo è basso. Inoltre, i prezzi dell’energia ei costi delle attrezzature stanno aumentando, portando a debiti elevati. Solo a luglio, i minatori di bitcoin hanno raccolto collettivamente $ 4 miliardi ai debiti. Questo è il motivo per cui molti minatori di bitcoin sono stati costretti a vendere le loro riserve di BTC e BTC minate ultimamente.

READ  Gli scout selezionati da BBB sono tutti non membri: 'Devono essere neutrali' | Politica

I minatori sono quindi in guai seri. Chiede un importante minatore fallimento e i prezzi delle azioni delle società minerarie sono vicini evaporato. I prossimi mesi saranno cruciali per molti minatori. Una rapida ripresa arriverebbe al momento giusto per queste aziende che stanno lottando per rimettersi a galla. Tuttavia, sono fortemente dipendenti dalle azioni della Federal Reserve statunitense, che continua ad aumentare i tassi di interesse nella sua lotta contro l’inflazione.

Il mondo è alle prese con decenni di alta inflazione, c’è una crisi energetica in Europa, ci sono problemi con la catena di approvvigionamento globale e i minatori di bitcoin riescono a malapena a tenere la testa fuori dall’acqua. Nonostante tutto ciò, i detentori di bitcoin a lungo termine sembrano ancora fiduciosi e riluttanti a vendere. Vedremo nei prossimi mesi se si ripeterà uno scenario come quello di fine 2018 o se i proprietari perderanno la loro lancette di diamante rimarrà chiuso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *