I residenti di Stadspark Groningen contano i decibel a Rammstein.  “La prestazione di Anouk è stata peggiore”

I residenti di Stadspark Groningen contano i decibel a Rammstein. “La prestazione di Anouk è stata peggiore”

Ascolta, un concerto memorabile in giardino, okay. Ma 12 volte all’anno e poi anche 12 giorni di rumore sul terreno di Suikerunie: è troppo. “Rovina il tuo godimento della vita.”

Per un momento, sembra una normale bella serata estiva. Gli uccellini cinguettano, non c’è quasi vento e due mongolfiere sorvolano la città di Groningen.

Non hanno ancora iniziato, vero? O suonano prima un pezzo molto morbido? Sono domande che si sentono al Verzetsvluchterslaan di Groningen, proprio accanto allo Stadspark dove suonerà per due serate la band metal tedesca Rammstein.

Alfred Somsen e Manon van der Meulen di City Park Naturally sono al primo indirizzo del loro tour in bicicletta che conduce oltre i residenti di City Park che provano fastidio per gli eventi che si svolgono lì. Due consiglieri (del PVV e del SP) stanno pedalando. L’inquilino della casa è fuggito dal rumore.

Poi esplode, sono le 20:34 e capiamo subito cosa intendono i residenti, anche se i Rammstein iniziano amichevoli. Sono i toni bassi ovviamente udibili, ma anche tangibili.

“Rovina il tuo piacere nella vita”

Si dirigono verso il cortile, Somsen con un misuratore di decibel in mano che raggiunge il picco di 73. ,,Questo suono entra davvero in gioco, non può essere ignorato. E non ci vorrà mezz’ora eh, continuerà fino alle undici di stasera. A Kingsland è tutto il giorno e tutta la sera”, dice Somsen. “Rovina il tuo godimento della vita.”

Improvvisamente un colpo. Fuochi d’artificio. “Immagina che domani i bambini di questo quartiere debbano andare a scuola”, spiega Van der Meulen.

Non hanno trovato il concerto dei Rolling Stones un problema, infatti, Van der Meulen era lì. La differenza tra allora e adesso, dice, è che durante la stagione dei festival ci saranno presto 12 successi allo Stadspark. ,,Più 12 volte sul Suikerunieterrein, più feste techno in questo piccolo edificio sul Drafbaan, più Martiniplaza. Ti piacerebbe vivere qui? Che non puoi sederti in giardino a causa del rumore?”

READ  emerge la verità sul colore degli occhi

Poco più avanti su Van Brakelplein, Annemrie Buikema siede nel suo giardino. “È orribile. Sembra una guerra. “È scioccata dai fuochi d’artificio. Sono le 21:52.

Una coppia (Albert e Anneke) sulla metà degli anni ’70 è infastidita dal numero di volte in cui gli eventi si svolgono allo Stadspark. “Questo parco è per chi non ha un giardino, non per eventi. Potrebbero fare molto meglio per rendere l’Euroborg adatto ai grandi concerti, questo stadio è ancora vuoto! Non hanno nemmeno bisogno di costruire una nuova Oosterpoort”, dice Albert.

“Sono stato a Vera la scorsa settimana”

Lui e sua moglie hanno scambiato il centro città 30 anni fa per una casa vicino allo Stadspark. Ne avevano abbastanza del centro città: sempre una folla di nottambuli fuori dalla porta e sempre un carnevale. Non sono contenti di vedere sempre più concerti allo Stadspark. “Anche se amo la musica. Sono stato a Vera la settimana scorsa, ma anche lì l’ho trovato troppo difficile!”, dice Albert.

A proposito, deve dire che non è poi così male, Rammstein. Sono le 22:20 quando dice: “L’esibizione di Anouk allo Stadspark Live è stata meno buona. In effetti, va bene. Abbiamo il vento in poppa”.

Quindi il burrascoso accordo finale deve ancora arrivare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *