i violenti attacchi di due campioni del mondo

La decisione di Ferrari non iniziare Charles Leclerc nemmeno dalla pit lane GP di Monaco ha privato il pilota rosso della possibilità di partire pole position per la prima volta nel circuito.

Amara delusione per il talento classe 97, che aveva già macchiato la storica pole con la caduta al termine delle qualifiche, e danni alla squadra, che nelle viuzze del circuito urbano più famoso al mondo aveva dimostrato di essere molto competitivo, come confermato successivamente in gara dal secondo posto di Carlos Sainz.

La rottura del albero di trasmissione notato domenica dai meccanici del Ferrari è stata registrata sul lato sinistro della vettura, quando la parte danneggiata dall’ammortizzatore di sabato era quella corretta, ma è molto probabile che ci fosse un collegamento tra l’urto contro il muro della curva Pool e il problema individuato domenica.
Anzi, è certo Jacques Villeneuve che, intervistato dall’emittente francese RTBF, non era né gara né con Charles Leclerc, né con la Ferrari a commentare il travagliato weekend monegasco della squadra di

Maranello: “Charles può incolpare solo se stesso per l’incidente di sabato. Non puoi essere triste per lui, ma penso che la squadra potrebbe correre dei rischi, la macchina potrebbe funzionare. È partito dalla pole con buone possibilità di vittoria. La partita valeva la candela soprattutto su un circuito come questo. Quello che sorprende è che non è stato il cambio a tradirlo, ma il lato sinistro dell’auto “,

E a proposito di grandi ex, venivano anche parole velenose Fernando Alonso. Il pilota spagnolo del Alpino, intervistato da “ GP Fans ”, non si è soffermato sulla vicenda Leclerc, commentando invece la prestazione di Carlos Sainz, ma soprattutto sull’accoglienza molto diversa che squadra e media hanno dato al secondo posto del pilota madrileno rispetto al podi ottenuti da Alonso durante i suoi cinque anni in Ferrari …:

READ  "La crescita serena ed evidente di Inter e Juve"

“Ricordo quando stavo facendo nove o dieci podi a stagione e finire secondo era come un funerale dopo la conferenza stampa. Mi hanno chiesto quando avrei finalmente vinto. Adesso le cose sono cambiate. Ecco perché dico che molti dei miei 97 podi non sono stati abbastanza rispettati ”.

OMNISPORT | 25-05-2021 16:04

F1, Ferrari sotto accusa: i duri attacchi di due campioni del mondo Carattere: Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *