“Il boom delle scarpe Lidl? Una sfida sociale vinta “

“Il boom delle scarpe Lidl? Risponde alla logica delle sfide incontrate sui social, come è successo con la sfida del secchiello del ghiaccio ”. Ne parla il critico di moda Rosario Morabito HuffPost il fenomeno delle sneakers e delle ciabatte low cost lanciato dalla catena di discount Lidl, che in poche ore sono state vendute in Italia, dopo aver conquistato mezza Europa. “Un fenomeno folle, che ha coinvolto anche addetti ai lavori della moda e che Lidl utilizza strategicamente”, afferma Morabito. “In quarantotto ore ho visto le foto dei pezzi della collezione postate sulle pagine Instagram di tanti amici, soprattutto milanesi, accorsi al supermercato a ritirarli”.

Una collezione su misura per i fan di Lidl

La ‘Lidl Fan Collection’, come viene chiamata, era già stata lanciata l’estate scorsa – nel pieno della fase Covid – ma è arrivata in Italia solo ieri. Dalla multinazionale hanno fatto sapere che “è stato pensato per rendere omaggio in modo gentile e irriverente a tutti i clienti del brand, che da sempre si definiscono veri fan di Lidl”. Se leggi sulla pagina ufficiale di Linkedin, capisci che questo boom non è solo una questione di fortuna, ma dietro c’è un attento studio delle abitudini e dei desideri dei consumatori: “Una collezione di moda nata dalla ‘Ascoltare le esigenze dei nostri clienti’, fa parte del post pubblicato sulla piattaforma una settimana fa.

Fenomeno virale non a caso

Anche Morabito concorda: “È una strategia molto specifica, perché non è qualcosa che Lidl fa di solito e mi sembra che ora il marchio sia di gran moda su tutti i social media e le pagine che lo fanno meme, da Osho a Tumangicarboidrati, ci lavorano molto “. Lui, che conosce la moda, fa notare che spesso quando si tratta di queste domande i laici tendono a rinunciare:” Il commento semplicistico è ‘Oh mio Dio queste sono scarpe brutte, la gente è impazzita ‘e invece c’è’ Altro ‘. Prima di tutto “sembra un brillante piano di marketing ninja perché Lidl ha lanciato la collezione nascosta e non era nemmeno fissato un limite di spesa, cioè si poteva andare al supermercato e comprare tutto lo stock. “La sua sensazione è che” ci fosse la volontà di vendere il più velocemente possibile e inoltre mantenerli a buon mercato è il segnale per volerli far diventare un fenomeno virale per i social network “.

READ  Superbonus 110%, una clausola da inserire nel contratto che non tutti si aspettano

Le scarpe Lidl non sono belle, ma sono una provocazione

Tutto sommato, i capi di moda Lidl diventano un oggetto da collezione. “A nessuno piacciono, nessuno le confronta solo per le scarpe”, dice Morabito. “Un mio amico che vive negli Stati Uniti mi ha mandato un link ebay con le scarpe Lidl per $ 4.500, pazzesco.” Ma dove indossare i pezzi della collezione? Sono calzini di felpa bianca con il logo in rilievo, ciabatte di plastica e sneakers blu, gialle e rosse, t-shirt molto banali… “Mi chiedo anche io”, continua la critica. “Questi sono i cosiddetti pezzo di dichiarazione, vale a dire che il valore estetico di questi prodotti non è nella qualità, è cibo spazzatura, ma hanno un valore tutto intellettuale, il loro valore è nella provocazione, nel gesto situazionista circolano con il marchio di sconto “. La domanda rimane: dove le metti?” Di giorno si sprecano, noi non andiamo in spiaggia, quindi devi metterle in situazioni molto alte come provocazione: davanti , in soggiorno, con qualcuno con cui avviare una discussione sul valore aggiunto estetico di questa merce ”.

Haute couture ha aperto la strada allo stile di sconto

Il terreno per questo boom è stato preparato dalla moda stessa: “Per anni Balenciaga, ma anche Gucci dell’era Michele (Alessandro, direttore creativo dal 2015, ed) ci hanno abituato a un’estetica del brutto, del fondo ”e così paradossalmente c’era la borsa del supermercato che è diventata una borsa di alto livello. “Ora, e questo è l’aspetto geniale dell’operazione di cui parliamo, la stessa provocazione arriva da Lidl senza passare per il progettista”. Sono direttamente da Lidl, leader nel discount, che “sfrutta la logica usata in passato dall’alta moda per condurre una transazione commerciale in cui non è necessario che l’intermediario del brand del lusso la convalidi”. Un’altra cosa che l’esperto sottolinea è l’elemento di nostalgia richiamato dalle scarpe Lidl: “Attraversano la generazione degli anni ’40, cresciuta negli anni ’80 con i pattini Fisher-Price, che avevano esattamente gli stessi colori, rosso, giallo e blu “.

READ  Dalla Lombardia alla Basilicata, mappa delle regioni - Misure politiche

Dall’arte ripetibile di Warhol alle t-shirt DHL

Secondo la storica della moda Sofia Gnoli, bisogna partire da due cose: “Innanzitutto bisogna tenere conto che questa è un’edizione limitata, quindi pochi pezzi sui quali l’azienda ha fatto campagna. marketing, sperando che la collezione vada a rubare “. Secondo, come diceva anche Morabito, si tratta di una pratica consolidata, cose già viste ed accadute anni fa:” Mi sono ricordato del la designer Demna Gvasalia con la t-shirt DHL e altre custodie, come la riproduzione dell’Ikea ​​di Balenciaga, ma anche Andy Warhol e la riproducibilità dell’arte, cioè la democratizzazione di tutto. “E poi una battuta: “Nell’era Covid, non sapendo dove andare a fare la spesa, almeno ti sballi al supermercato”, dice sorridendo. “Con Covid non vai in giro molto, ma al supermercato sì, quindi nel complesso questo diventa il centro commerciale definitivo ”.

Sociologo Ferraresi: “Si chiama rivendita”

HuffPost Ne ha sentito parlare anche Mauro Ferraresi, sociologo dei consumi, spiegando come quello di Lidl sia l’ennesimo caso di rivendita: “Un fenomeno nato all’estero e che è una sorta di investimento che fanno i consumatori”. Per meno di tredici euro, nel caso delle sneakers, “si acquista un prodotto che poi può essere venduto online a duecento, trecento, quattrocento euro, fino a cifre incredibili”. Stimola un “senso di occasione, ora o mai più” e basta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *