Il cauto Israele può mediare la guerra in Ucraina

Il cauto Israele può mediare la guerra in Ucraina

israele fatto il miglior sistema antiaereo del mondo† Questo è esattamente ciò di cui l’Ucraina ha bisogno ora, con i pesanti bombardamenti delle città. Il presidente Zelensky lo ha sottolineato ancora una volta domenica a il suo discorso tramite collegamento video alla Knessetil parlamento israeliano.

Mentre all’esterno una folla entusiasta sventolava bandiere ucraine in grande sostegno, all’interno c’era il rimprovero di Zelensky della posizione passiva di Israele. Il governo non è più disposto a fornire armi all’Ucraina di quanto non sia disposto a imporre sanzioni alla Russia, ha affermato il presidente nel suo discorso. Gli ucraini non possono più entrare in Israele senza visto, i russi possono ancora farlo. “Il mondo sta guardando. Proprio come è successo nella seconda guerra mondiale. Posso fare quel confronto tra la tua storia e la nostra”, ha detto. “Mosca usa la stessa terminologia dei nazisti e parla di una ‘soluzione finale’. Puntano i loro missili su Kiev e su Babyn Jar. Sapete tutti che questo è un memoriale per le vittime ebree dell’Olocausto.

I confronti con l’Olocausto non sono apprezzati in Israele. Ma Zelensky, egli stesso ebreo, sa che Babyn Jar parla anche di Israele: simboleggia l’orribile destino degli ebrei in Ucraina. Alla fine di settembre 1941, i battaglioni delle SS-Einsatzgruppen e della polizia tedesca a Babyn Jar – un burrone alla periferia di Kiev – uccisero oltre 33.000 ebrei in due giorni e trasformarono il burrone in una gigantesca fossa comune. Questo è il più grande massacro di ebrei in così poco tempo.

I confronti con l’Olocausto non sono apprezzati in Israele

Allo stesso tempo, Babyn Jar simboleggia anche il silenzio in epoca sovietica sulle atrocità. Dopo la guerra, le autorità riempirono il burrone con le macerie di una fornace locale. Per molto tempo è scomparso un monumento agli ebrei assassinati. Perché le autorità sovietiche hanno fatto di tutto per bandire la memoria di Babyn Jar. L’Olocausto era un tabù: i nazisti prendevano di mira l’intera popolazione sovietica con il loro attacco, l’insegnamento ufficiale lo era. Questo è il motivo per cui le autorità hanno cercato di evitare che l’attenzione fosse posta sulla sofferenza degli ebrei.

Leggi anche Ottant’anni dopo le atrocità, il silenzio attorno al burrone ucraino di Babyn Jar è stato rotto

READ  La Cina firma un maxi accordo commerciale con altri 14 paesi

Erano passati solo ottant’anni dopo Centro commemorativo dell’Olocausto di Babyn Jar† Lo ha svelato lo scorso ottobre alla presenza dei capi di stato ucraini, tedeschi e israeliani. Cinque mesi dopo, la sua sopravvivenza è minacciata dalla guerra.

Il quinto giorno dell’invasione, il bombardamento della torre della televisione di kyiv ha lanciato un missile ai margini del sito di Babyn Jar. Poi Zelensky ha twittato: “A che serve parlare di ‘Mai più’ per ottant’anni se il mondo tace nel momento in cui una bomba fa cadere Babyn Jar. La storia si ripete”.

Anche Israele è rimasto scioccato dalla notizia. Da Gerusalemme, Natan Sharansky, membro del consiglio del Memorial Center e presidente dell’Agenzia Ebraica, che lavora per l’immigrazione degli ebrei in Israele, ha twittato: “Simbolico che Putin inizi il suo attacco a Kiev bombardando Babyn Jar, il più grande massacro nazista sempre. .”

L’ambasciatore ucraino a Tel-Aviv ha colto l’occasione per lanciare un appello urgente al governo israeliano affinché accolga i profughi ucraini: all’epoca, decine di persone sono state trattenute all’aeroporto di Tel-Aviv. “Gli ucraini sono il quinto gruppo più numeroso di Giusti tra le nazioni”, ha sottolineato nel suo appello. Il titolo “giustificare” è riservato ai non ebrei che salvano gli ebrei a rischio della loro vita. Zelensky lo ha ripetuto nel suo discorso alla Knesset.

Questo messaggio è andato storto. Il direttore Dani Dayan dello Yad Vashem, l’Istituto israeliano per lo studio e la memoria dell’Olocausto, ha affermato in un’intervista in podcast al quotidiano Haaretz. “Denunciamo l’aggressione e l’invasione di Putin, ma respingiamo i confronti con la persecuzione degli ebrei, sia da parte russa che ucraina, perché banalizzano l’Olocausto. Naturalmente c’erano degli ucraini che salvarono gli ebrei. Ma ci furono molti altri che aiutarono i nazisti a uccidere gli ebrei.

Collaborazione con i nazisti

Proprio questa è l’intera difficoltà: gli ucraini hanno una reputazione inestricabile per aver collaborato con i nazisti. Dopo essere caduti vittime su larga scala del terrore di Stalin negli anni ’30, molti ucraini hanno accolto l’occupante tedesco come un liberatore durante la seconda guerra mondiale. Anche gli ucraini hanno partecipato ai massacri di ebrei. “A Babyn Jar, la polizia ucraina ha assistito, ma non ha partecipato all’omicidio. Era diverso con il massacro di Bila Tserkva. Gli ucraini erano tra gli autori lì”, afferma Ruslan Kavatsuk, vicedirettore del Babyn Jar Holocaust Remembrance Center. Fuggì a Leopoli da Hostomel, un sobborgo di kyiv, e cedette ad a sessione Zoom pubblica con scienziati ebrei di Gerusalemme e New York un aggiornamento sul Memorial Center.

READ  L'ex presidente Trump in tribunale • Ministri della Difesa ad Amsterdam

È anche il trucco retorico di Putin che continua a usare il termine denazificazione, dice Sharansky, anche lui presente alla sessione. Putin basa le sue bugie su un piccolo pezzo di verità. Il suo messaggio è puramente domestico: l’Ucraina è un burattino degli Stati Uniti e filonazista: dobbiamo attaccarli, prima che loro attacchino noi”.

Mentre gli ucraini cadono vittime della guerra in corso e fuggono in massa, Israele lotta con il suo ruolo. Gli ebrei sono inclusi per impostazione predefinita in conformità con la Legge del Ritorno (il diritto degli ebrei di tutto il mondo alla cittadinanza israeliana). L’agenzia ebraica di Sharansky si è impegnata a evacuare e ricevere ebrei dalle zone di guerra. Ma non tutti vedono come responsabilità di Israele accogliere ucraini di origine non ebraica. Questo dibattito infuria fino al gabinetto. Il ministro dell’Interno ritiene che Israele stia già facendo più di altri paesi per prendersi cura dei 200.000 ebrei ucraini. Ma il ministro per gli Affari della diaspora vede come dovere degli ebrei con la loro storia di fuga e persecuzioni accogliere i profughi, indipendentemente dalla loro origine.

Rifugio per gli oligarchi

A differenza dei paesi europei, Israele non inserisce nella lista delle sanzioni gli oligarchi dei circoli di Putin. Uomini d’affari ebrei russi come Roman Abramovich e Mikhail Fridman, entrambi in possesso di passaporti israeliani, contribuiscono generosamente alla società israeliana facendo generose donazioni a cause sociali e istituzioni culturali ebraiche. Il banchiere Fridman è anche il principale promotore e donatore del Babyn Jar Holocaust Remembrance Center. Si è ritirato dal consiglio subito dopo l’invasione russa, dopo aver messo a disposizione più di un milione di euro per aiuti umanitari all’Ucraina. Ciò non gli ha impedito di finire nella lista delle sanzioni dell’UE.

Due giorni prima dell’invasione, Abramovich ha donato almeno 10 milioni di euro a Yad Vashem. L’Istituto per l’Olocausto inizialmente non vedeva alcun motivo per rifiutare la donazione, poiché Abramovich si era subito espresso contro la guerra e non vi era alcuna indicazione che Abramovich avesse corso intorno a Putin negli ultimi anni, secondo quanto comunicato. Secondo Il Washington Post Yad Vashem aveva precedentemente fatto pressioni affinché Abramovich non fosse inserito nell’elenco delle sanzioni statunitensi. È stato solo quando il Regno Unito ha inserito Abramovich nell’elenco delle sanzioni che i legami con l’oligarca sono stati interrotti.

READ  Suicidio di 20 anni dopo aver investito in Robinhood, i genitori fanno causa all'app

Leggi anche La guerra pone fine all’isolamento internazionale della Turchia

La critica è che Israele è così ultimo rifugio occidentale diventa per gli oligarchi giudeo-russi. Il governo israeliano è anche attento a denunciare l’aggressione russa. C’è una considerazione geopolitica dietro questo: Israele non vuole turbare Putin perché per Israele è necessaria l’approvazione della Russia azioni militari contro obiettivi iraniani in Siria† Anche questa cautela ha i suoi vantaggi: Israele può svolgere il ruolo di mediatore. Il primo ministro Naftali Bennett è l’unico capo del governo occidentale ad aver visitato Putin. E Gerusalemme è stata citata da giorni come sede di un nuovo ciclo di colloqui tra russi e ucraini.

Torre della TV colpita da un missile russo a Kiev, vicino al Memoriale dell’Olocausto di Babyn Jar.

Per quanto segnato sia il passato comune di ucraini ed ebrei, per quanto riguarda Sharansky, è giunto il momento di radunarsi con tutto il cuore dietro l’Ucraina. Per lui l’Ucraina ha fatto di tutto negli ultimi trent’anni per uscire dalle pagine più oscure della sua storia. “La prova migliore: hanno eletto un presidente che è ebreo e che lo ammette apertamente”.

Kavachuk dice dal suo rifugio a Leopoli che il suo gruppo di ricerca è composto da una generazione più giovane di ucraini senza origini ebraiche – proprio come lui – che cercano di raccontare la storia del milione e mezzo di ebrei assassinati nella sua interezza. “Non sono andati nei campi di concentramento, ma sono stati assassinati nel loro stesso ambiente in pieno giorno con i loro vicini come testimoni. “Mai più” significa più ora che mai. E in modo combattivo: “L’Ucraina sopravviverà a questo, se non altro perché il nemico non si aspettava che il nostro presidente ebreo fosse il miglior leader ucraino che abbiamo mai avuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *