Molti “lavoratori ospiti” italiani e spagnoli tornano a lavorare – Wel.nl

Molti “lavoratori ospiti” italiani e spagnoli tornano a lavorare – Wel.nl

C’è un netto cambiamento nei paesi da cui provengono i lavoratori migranti. Meno dall’est e più dalla Spagna e dall’Italia.

Secondo EU Flex Services, l’afflusso di portoghesi e spagnoli è aumentato negli ultimi tre anni dal 20 a non meno del 60% rispetto ai “paesi tradizionali” come la Polonia, scrive l’AD.

Secondo l’analista del mercato del lavoro Van Krimpen, la disoccupazione giovanile (15-23 anni) in alcune parti della Spagna è del 50%. Il mercato del lavoro in Spagna e Portogallo è molto meno favorevole che qui. Inoltre, lo stipendio nei Paesi Bassi è più alto che in Spagna e Portogallo. Non del tutto sorprende che siano soprattutto i giovani a lasciare la casa e il focolare per venire a lavorare qui. Non solo vanno nei Paesi Bassi, ma trovano lavoro anche in Francia, Regno Unito e Germania.


Secondo EU Flex Services, qui nei Paesi Bassi svolgono principalmente lavori poco qualificati nei settori della produzione, dell’alimentazione e della logistica. Di recente si sono aggiunti anche il settore della ristorazione, la tecnologia e la cura.

L’afflusso di portoghesi e spagnoli può essere facilmente raddoppiato: l’entusiasmo e la domanda ci sono.

La prima ondata di lavoratori migranti – allora chiamati lavoratori ospiti – arrivò anche dalla Spagna e dall’Italia all’inizio degli anni ’60.

fonte): ANNO DOMINI
READ  211 nuovi casi (73 a Roma) e tre morti. Epidemia in una casa di riposo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *