Il Consiglio dei Ministri investe 700 milioni nella qualità della vita dei quartieri vulnerabili

Il Consiglio dei Ministri investe 700 milioni nella qualità della vita dei quartieri vulnerabili

PAPÀ

Notizie ONS

Il gabinetto ha presentato piani per migliorare la qualità della vita in venti quartieri in tutto il paese. Circa 25.000 unità abitative sono in fase di ristrutturazione o creazione in edifici adibiti a uffici sfitti. Vengono inoltre effettuati investimenti nella prevenzione della delinquenza giovanile, nella lotta alla povertà e all’indebitamento e nella qualità dell’istruzione.

In gioco sono in gioco 700 milioni di euro, riferiscono i ministri De Jonge (edilizia popolare), Weerwind (tutela legale), Wiersma (istruzione) e Schouten (riduzione della povertà). La maggior parte del denaro, 600 milioni di euro, va alla “ristrutturazione” di case nelle zone vulnerabili.

In questo termine, il ministro De Jonge intende demolizioni e nuove costruzioni, ristrutturazioni su larga scala di case esistenti e trasformazione di locali commerciali in abitazioni. L’offerta abitativa si sta quindi diversificando, tanto che le persone vogliono continuare a vivere nel quartiere se iniziano a guadagnare di più, questo il suo ragionamento.

Circolo vizioso

Con il National Habitability and Security Program, il governo mira a spezzare il circolo vizioso dei problemi in questi tipi di quartieri. I residenti spesso affrontano un accumulo di problemi come debiti e mancanza di istruzione, e i giovani in particolare spesso soccombono al richiamo della criminalità.

I distretti in questione sono a Leeuwarden, Groningen, Arnhem, Heerlen, Breda, Eindhoven, Tilburg, Schiedam, Rotterdam, L’Aia, Amsterdam, Zaandam, Lelystad, Utrecht, Nieuwegein, Vlaardingen, Delft, Dordrecht e Roosendaal.

READ  Renault Austral: le prime immagini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *