Il digiuno intermittente può compromettere la salute: studio americano. Remuzzi: «Gli effetti a breve termine sono positivi. E oltre?»

Il digiuno intermittente può compromettere la salute: studio americano. Remuzzi: «Gli effetti a breve termine sono positivi. E oltre?»

Il digiuno intermittente può compromettere la salute: studio americano. Remuzzi: «Gli effetti a breve termine sono positivi. E oltre?»

Il digiuno intermittente potrebbe non essere la soluzione migliore per la salute cardiovascolare, secondo uno studio condotto dall’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri. Il direttore dell’istituto, Giuseppe Remuzzi, ha presentato i risultati durante un meeting dell’American Heart Association, evidenziando potenziali rischi legati alla pratica del digiuno intermittente.

Lo studio ha coinvolto 20.000 persone negli Stati Uniti e ha dimostrato che il digiuno per 8 ore al giorno, noto come formula “16:8”, potrebbe aumentare il rischio di morte per eventi cardiovascolari anziché ridurlo. Inoltre, il digiuno intermittente potrebbe anche aumentare il rischio di malattie cardiovascolari, infarti, ictus e persino la mortalità anche in pazienti affetti da tumori.

Questi risultati evidenziano la necessità di condurre ulteriori ricerche per comprendere appieno gli effetti a lungo termine del digiuno intermittente sulla salute e sulla durata della vita. Il direttore Remuzzi mette quindi in discussione l’efficacia e la sicurezza del digiuno intermittente come strategia per il benessere a lungo termine.

In conclusione, è importante valutare attentamente i potenziali rischi e benefici del digiuno intermittente prima di adottare questa pratica per migliorare la propria salute cardiovascolare.

READ  Avvelenamento da Tachipirina: Cause, Sintomi e Trattamento - Hamelin Prog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *