Il dimezzamento minaccia CDA, gli elettori passano a BBB e JA21

Il dimezzamento minaccia CDA, gli elettori passano a BBB e JA21

Il dimezzamento minaccia CDA, gli elettori passano a BBB e JA21

Jo-Annes de Bat, leader del partito CDA in Zelanda, è un uomo soddisfatto. Contrariamente alla tendenza nazionale, il CDA sta andando bene in Zelanda: il partito potrebbe diventare il partito più numeroso, come quattro anni fa. De Bat spera persino in un posto. “Ho promesso alla mia squadra otto posti, voglio mantenerli”.

Ha effettuato centinaia di visite di lavoro negli ultimi anni. Visita dopo visita, cerca di convincere gli elettori a restare con il suo partito. “Posso solo raccontare la nostra storia: la storia che affrontiamo i grandi problemi con il popolo della Zelanda. Penso che quella storia possa aiutare anche a livello nazionale”.

tempo pesante

E il CDA potrebbe utilizzare questo aiuto a livello nazionale. Fuori dalla Zelanda, il CDA rischia di perdere seggi in tutte le province. Al Senato il partito potrebbe essere dimezzato secondo i sondaggi: degli attuali nove seggi, dovrebbero restare tra i quattro e i sei.

“Vedi che il partito perde principalmente contro BoerBurgerBeweging e JA21”, analizza il sondaggista di RTL Gijs Rademaker. E il CDA deve soprattutto ringraziare se stesso per questo.

“La fiducia in Hoekstra è bassa”

“Anni fa, la gente sapeva esattamente cosa rappresentava CDA: norme e valori, famiglia, amministrazione e agricoltori; questi erano i punti CDA. Ma grandi gruppi di elettori del CDA ora non hanno idea di cosa rappresenti esattamente quel partito.

Cosa non aiuta neanche: la fiducia nel leader del CDA Wopke Hoekstra è stata bassa per anni, il più debole di tutti i leader. “E rimane così, non si riprende”, dice Rademaker. “I membri del CDA possono ancora pensare che sia un buon ministro, ma non un leader del CDA”.

READ  Conti correnti bloccati in tutta Europa. Di questo stiamo parlando> CCSNews.it

Ad Amersfoort, il leader del partito Hoekstra sta facendo tutto il possibile per riconquistare gli elettori oggi. Ma si presenta come uno sconosciuto e spesso lascia che il leader del partito provinciale Mirjam Sterk prenda il comando. Attribuisce il periodo difficile che sta attraversando il suo partito alla sua partecipazione al governo. “Quando ti assumi la responsabilità del governo con così tante questioni difficili, non è mai facile”.

Campagna

L’azoto è uno di quegli argomenti difficili. Il CDA non è in grado di concordare internamente la via da seguire. Nelle guide di voto online, varie fazioni provinciali chiedono l’opposizione agli obiettivi nazionali sull’azoto e si oppongono all’acquisizione obbligatoria degli agricoltori.

Anche i dodici leader del partito CDA si sono fatti avanti questa settimana con una chiamata notevole nel Telegrafo. Breve messaggio: “La vera soluzione al problema dell’azoto è nella regione. Non nelle interminabili non-discussioni all’Aia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *