Il duca di York, il principe Andréj, non è più cittadino onorario di York

Il duca di York, il principe Andréj, non è più cittadino onorario di York

Il consiglio comunale della città inglese di York ha deciso all’unanimità di privare il principe Andréj britannico della cittadinanza onoraria. Il motivo sono le accuse di abusi sessuali contro il secondo figlio della regina Elisabetta. Andrew, 62 anni, che può anche definirsi Duca di York, portava il titolo onorifico Libertà per la città di York dal 1987.

“La cittadinanza onoraria della nostra grande città viene assegnata a persone che rappresentano il meglio di York”, ha affermato un consigliere. “Non è appropriato che il principe Andrea mantenga legami con la nostra città”.

Casi di abuso

Il principe inglese lo era coinvolti in un caso di abuso che ha coinvolto anche il defunto uomo d’affari e molestatore sessuale Jeffrey Epstein. Andrew era un buon amico di lui e del suo socio in affari Ghislaine Maxwell.

Secondo l’americana Virginia Giuffre, il principe l’ha aggredita sessualmente tre volte nel 2001, quando aveva 17 anni. Gli incontri sarebbero stati organizzati da Maxwell. Il principe ha sempre negato le accuse.

Nella querela promossa da Giuffre contro Andrea, giunse ad a regolamento† Il principe non si è dichiarato colpevole, ma ha affermato in una dichiarazione di “accettare” che l’americano abbia sofferto. “Sia come vittima di abusi che di attacchi pubblici su di lei”.

titoli persi

A causa del caso, Andrew ha dovuto rinunciare ad alcuni dei suoi titoli a gennaio. Non gli è più permesso di chiamarsi altezza reale e ha anche perso i suoi titoli militari. Tuttavia, il principe è ancora duca di York.

Secondo BBC I consiglieri di York gli chiedono anche di rinunciare a questo titolo. Se non lo fa lui stesso, il governo e la famiglia reale devono agire, ha detto uno dopo il voto del consiglio.

READ  Il principe Harry vince nel caso delle forze dell'ordine nel Regno Unito

L’emittente britannica ha chiesto un commento sia al principe Andréj che a Buckingham Palace, ma nessuna delle due parti ha rifiutato di commentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *