Il leggendario Parkpop Free Festival salta un anno, la serra è vuota

Il leggendario Parkpop Free Festival salta un anno, la serra è vuota

Il gruppo Di-rect dell'Aia si esibirà alla quarantesima edizione di Parkpop, nel giugno di quest'anno.  Immagine Paul Bergen / ANP

Il gruppo Di-rect dell’Aia si esibirà alla quarantesima edizione di Parkpop, nel giugno di quest’anno.Immagine Paul Bergen / ANP

Oltre centomila persone sono arrivate rapidamente a Parkpop negli anni 80 e 90. Ma quei bei giorni sono finiti e la serra è vuota. Il festival pop gratuito, creato nel 1981, ha dovuto annullare l’edizione del 2023, afferma il direttore del festival Guus Dutrieux (68).

“Avevamo già chiesto il contributo comunale e il permesso di cantiere. Ma i costi sono diventati troppo alti dopo la pandemia. Dobbiamo rivalutare e vedere se possiamo organizzare il festival in modo diverso nel 2024″.

Parkpop perdeva soldi da anni. Nel 2018, Dutrieux ha trovato un partner commerciale in Mojo Concerts, il più grande promotore di concerti nei Paesi Bassi, pronto a fare importanti investimenti. “L’abbiamo fatto per simpatia, anche perché ovviamente siamo animali musicali e amiamo l’avventura”, afferma il regista di Mojo John Mulder. “Ma sapevo già che non avremmo avuto una pensione per l’intera azienda”.

Maliveld

Nel giugno di quest’anno, il festival è stato spostato da Zuiderpark a Malieveld, vicino alla stazione centrale. Una mossa di successo, poiché l’invecchiamento Parkpop ha attirato un pubblico più giovane da tutto il paese, che ha speso più soldi. Ma la perdita ha raggiunto di nuovo le tonnellate. “Non potevamo più permetterci queste perdite,” disse Mulder. “Ho avvertito Guus subito.” Dutrieux non è stato in grado di completare il budget in seguito.

Nei primi decenni, Parkpop ha attirato il pubblico da tutto il paese, dice Dutrieux. “Allora non c’erano molti festival pop, ora ce ne sono diverse migliaia ogni anno”. Allestire una buona programmazione internazionale si dimostrò possibile in quegli anni, anche perché gli artisti avevano un diverso modello di revenue. Dipendevano principalmente dalle vendite di dischi e speravano di aumentarle con esibizioni ai festival dove venivano migliaia di persone. “Parkpop è stato un trampolino di lancio per gli artisti negli anni ’80 e le etichette discografiche hanno investito nella programmazione”.

Vendite di dischi in calo

Ma con il crollo delle vendite di dischi e CD, l’equilibrio si è spostato. Gli artisti in realtà fanno i loro soldi esibendosi, dice Mulder di Mojo. L’organizzatore del concerto ha avuto un rapporto affettuoso con Parkpop sin dall’inizio, ma nel 2018 dubitava che un festival gratuito con un’ampia line-up internazionale fosse ancora fattibile. Gli aumenti dei costi post-pandemia ora stanno uccidendo l’evento. “Dai generatori alle recinzioni al personale, tutto è diventato in media il 20% più costoso nell’ultimo anno. Si stima che quest’anno si aggiungerà il 15%.

Dutrieux comprende la partenza di Mojo da Parkpop BV. “Sapevo che Mojo avrebbe valutato, ma non mi aspettavo che si dimettessero ora. Ho capito, e abbiamo avuto un ottimo partner in loro. Penserà a come Parkpop può continuare ora. Può essere un festival a pagamento. “Ma dovrebbe essere alla portata di tutti e quindi non dovrebbe costare 65 euro. Finora abbiamo perso un partner. Se continui così ti soffi di nuovo il naso ed è finita. Piuttosto un anno di transizione. Non c’è dubbio sulla fine definitiva di Parkpop.’

READ  Dead Erriquez della Bandabardò: "La mia vita, un'avventura"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *