Il ministro pachistano chiede ai residenti di bere meno tè: l’importazione troppo cara

Il ministro pachistano chiede ai residenti di bere meno tè: l’importazione troppo cara

L’importazione di tè è molto costosa. Ogni anno, il governo paga quasi 600 milioni di euro per aiutare i pakistani a ricevere in media tre tazze di tè al giorno.

Aiuto finanziario

Se diminuisce di uno o due, fa risparmiare un sacco di soldi. Il Pakistan deve soddisfare severi requisiti per beneficiare dell’assistenza del Fondo monetario internazionale (FMI). Ciò ha convertito in prospettiva quasi 6 miliardi di euro, a condizione che il Pakistan metta in ordine le sue finanze.

La richiesta di Iqbal, ministro del Piano, è accolta con umorismo. Il quotidiano britannico The Guardian prende a Venditore di tè di Islamabad presso che dice: “Ieri Iqbal ha chiesto se potevamo bere meno tè, domani probabilmente diranno che dovremmo mangiare meno. È questa la soluzione?

Meno zucchero e pane

Non è la prima volta che alla popolazione pachistana viene chiesto di limitare i propri consumi. Un parlamentare del precedente partito al governo aveva precedentemente invitato le persone a usare meno zucchero e a mangiare non più di una focaccia con il pasto caldo.

Il gabinetto del primo ministro Shahbaz Sharif, entrato in carica meno di due mesi fa, ha già dovuto compiere passi più impopolari. I ricchi devono pagare più tasse e il FMI ha costretto il governo a smettere di sovvenzionare elettricità e carburante. Benzina, gas naturale ed elettricità sono diventati fino al 45% più costosi. In parte a causa di ciò, anche i prezzi dei generi alimentari sono aumentati enormemente.

READ  Scetticismo sull'impegno di Rutte per l'afflusso di asilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *