Tour de France 2020, 17a tappa: Alaphilippe, Carapaz in fuga | Il diretto

170 km da Grenoble a Méribel con due gran premi di montagna categoria Hors

14.50 – il beneficio diminuisce

A 72 km dal traguardo, i quattro fuggitivi sono 41 “davanti a Kämna e 3’44” sul gruppo delle maglie gialle. Il viaggio medio è di 41,7 km / h. Quintana perde 2’00 “dal gruppo numeroso, più indietro rispetto al gruppo dei velocisti.

14.43 – Alaphilippe in testa

Julian Alaphilippe dà il tono alla salita e il vincitore di tappa di ieri, il tedesco Lennard Kämna, perde terreno. Mancano ancora 12 km al vertice e il gruppo perde i pezzi, molti piloti sono in difficoltà a causa del ritmo imposto da Bahrain-McLaren.

14.38 – Quintana si fa notare

In crisi Nairo Quintana (Team Arkéa Samsic), già in difficoltà nella tappa precedente. Il colombiano rischia di lasciare definitivamente la top ten. Hanno perso il contatto con i migliori anche Thibaut Pinot (Groupama-Fdj) e la maglia a pois Benoit Cosnefroy (Ag2r La Mondiale).

14:32 – La squadra di Landa in testa

La Bahrain-McLaren di Mikel Landa guida il gruppo al tiro. Evento insolito in un Tour de France dominato da Jumbo-Visma, finora inarrestabile in salita.

14.27 – Tre squadre davanti

Fuggitivi e inseguitori salgono il Col de la Madeleine a 78 km dal traguardo. I cinque attaccanti hanno un margine di 5’54 “sul gruppo della maglia gialla. I cinque sono Richard Carapaz (Ineos Grenadiers), Lennard Kämna (Bora- ​​Hansgrohe ), Julian Alaphilippe (Deceuninck-Quick Step), Gorka Izagirre (Astana) e Dan Martin (Israel Start-Up Nation). Nelle posizioni avanzate del gruppo Roglic’s Jumbo-Visma, Richie Porte’s Trek-Segafredo e Bahrain -McLaren di Mikel Landa .

READ  I tempi per Suarez spaventano la Juve, accelerano ancora per Dzeko

14.14 – Madeleine si avvicina

A 84 km dal traguardo, i fuggitivi hanno un vantaggio di 5’51 “sul gruppo, trainato da Jumbo-Visma, la squadra in maglia gialla Primoz Roglic. La media di gara è di 48,5 km / h C’è solo una breve distanza dal Col de la Madeleine (17,1 km all’8,4%).

13.57 – 97 km all’arrivo

Il vantaggio dei cinque fuggitivi è di 5’19 “quando mancano 97 km all’arrivo. La media di gara è di 49,2 km / h. Le due salite di oggi, Madeleine (2000 m) e Loze (2304 m), sono le uniche vette del Tour de France che superano i 2000 m.

13.34 – Impey si alza

Termina la fuga del sudafricano di Mitchelton-Scott. A 115 km dal traguardo, i cinque attaccanti nella prima ora hanno un vantaggio di 4’02 “sul gruppo della maglia gialla. I cinque sono: Richard Carapaz (Ineos Grenadiers), Lennard Kämna (Bora-Hansgrohe), Julian Alaphilippe (Deceuninck-Quick Step)), Gorka Izagirre (Astana) e Dan Martin (Israel Start-Up Nation) Alaphilippe, Carapaz e Kämna hanno fatto parte della fuga di ieri, nella tappa vinta dal tedesco Bora. Secondo, lo scalatore di Ineos, vincitore del Giro d’Italia 2019.

13:30 – Sam Bennett primo allo sprint

Maglia verde Sam Bennett (Deceuninck-Quick Step) ha vinto lo sprint intermedio aumentando il vantaggio sul rivale Peter Sagan (Bora-Hansgrohe), che ha chiuso terzo preceduto anche da Michael Morkov, compagno di squadra austriaco di Bennett. Tra i fuggitivi, il primo a tagliare il traguardo intermedio è Julian Alaphilippe.

13.21 – Impey all’inseguimento

I cinque fuggiti hanno un vantaggio di 32 “sull’inseguitore Daryl Impey (Mitchelton-Scott), 1m52” sul gruppo della maglia gialla. A 127 km dal traguardo la media è di 48,9 km / h.

13:15 – cinque in fuga

Richard Carapaz (Ineos Grenadiers), Lennard Kämna (Bora-Hansgrohe), Julian Alaphilippe (Deceuninck-Quick Step), Gorka Izagirre (Astana) e Dan Martin (Israel Start-Up Nation) sono 24 “davanti al gruppo.

La scena

La diciassettesima tappa della Grande Boucle 2020 è la tappa regina della gara, 170 km da Grenoble a Méribel con due Gran Premi di montagna fuori categoria che renderanno infuocata la finale della tappa. Alla guida della classifica generale Primoz Roglic, che dopo una sedicesima tappa tranquilla per i grandi nomi dovrà dare il massimo per contenere il connazionale Tadej Pogacar, la migliore salita di questa Grande Boucle. Egan Bernal, capitano dell’Ineos, ha lasciato la corsa dopo le difficoltà degli ultimi giorni.

Le salite

Dopo una prima parte di gara senza particolari asperità, i corridori affronteranno prima il Col de la Madeleine (17,1 km all’8,4%) poi il Col de la Loze (21,5 km al 7,8%), salita molto impegnativa che porta al traguardo di Méribel.

Classificazione

1. Primoz Roglic (Jumbo-Visma) 70h 06 ’47’ ‘2. Tadej Pogacar (UAE) +40 “3. Rigoberto Uran (Ef Pro Cycling) + 1’34” 4. Miguel Angel Lopez + 1’45 “5. Adam Yates + 2’03” 6. Richie Porte + 2’13 “7. Mikel Landa + 2’16” 8. Enric Mas + 3’15 “9. Tom Dumoulin + 5’19” 10. Nairo Quintana + 5’45 “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *