Il Papa in Mongolia: Mando un caloroso saluto al nobile popolo cinese, i cattolici cinesi siano buoni…

Il Papa in Mongolia: Mando un caloroso saluto al nobile popolo cinese, i cattolici cinesi siano buoni…

Le autorità cinesi hanno recentemente negato i visti ai vescovi della Cina continentale per incontrare il Papa in Mongolia, impedendo loro di partecipare alla Messa che si è svolta nella “Steppe Arena”. Questa è stata la prima volta nella storia della Mongolia in cui una chiesa ha ospitato una Messa Papale.

Nonostante le restrizioni imposte dalle autorità cinesi, circa 1.500 fedeli cattolici mongoli sono riusciti ad essere presenti alla Messa, insieme a membri provenienti da altre nazioni come Russia, Vietnam, Corea, Filippine, Hong Kong e alcuni in forma segreta dalla Cina continentale.

Durante la celebrazione, il Papa ha inviato un caloroso saluto al popolo cinese e ha chiesto ai cattolici cinesi di essere buoni cristiani e buoni cittadini. Questo messaggio ha suscitato grande interesse tra i fedeli presenti, un gruppo di circa un centinaio di persone provenienti dalla Cina e riconoscibili per le loro bandierine rosse.

Alcuni russi presenti alla Messa si sono detti felici di vedere il Papa e hanno elogiato la decisione delle autorità mongole di consentire l’evento senza difficoltà di visto. Al contrario, i vescovi cinesi sono stati costretti a rimanere nel loro paese, a causa dei visti negati, perdendo così l’opportunità di incontrare il Santo Padre.

Durante la cerimonia, il vescovo mongolo Giorgio Marengo ha ringraziato il Papa per la sua presenza e ha sottolineato come la Chiesa stia estendendo la sua influenza anche ai margini del mondo. Inoltre, il cardinale designato Stephen Chow Sau-Yan è arrivato in Mongolia con un gruppo di fedeli, mentre altri sono giunti da soli.

Il Papa ha sempre dichiarato che l’Asia rappresenta il futuro della Chiesa e ha un ruolo molto importante da svolgere. Questo evento ecumenico in Mongolia ha dimostrato l’importanza di estendere il messaggio cristiano anche a paesi che tradizionalmente non appartengono alla sfera cattolica.

READ  Guerra in Israele, unità délite di Hamas bombardata durante linvasione del Paese: i combattenti Nukhba dovevano fuggire

Il Papa ha dimostrato ancora una volta la sua dedizione verso l’Asia, lasciando un segno significativo nella storia della Mongolia e aprendo la strada a possibili futuri incontri e dialoghi tra il Vaticano e i cattolici cinesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *