Il pattinatore di velocità Van der Poel paragona i Giochi invernali cinesi alla Germania nazista

Van der Poel descrive il corso degli eventi come “pessimo” e “assolutamente terribile”. È sul giornale un parallelo con i Giochi Olimpici tenutosi a Berlino nel 1936, ma si riferisce anche ai Giochi invernali di Sochi, in Russia, nel 2014.

Hitler

“Le Olimpiadi sono grandiose, è un fantastico evento sportivo in cui il mondo è unito e le nazioni si uniscono”. Ma organizzare un evento del genere “è esattamente ciò che fece Hitler prima di invadere la Polonia e la Russia prima di invadere l’Ucraina”. Immediatamente dopo i Giochi di Sochi, la Russia ha annesso la penisola di Crimea dall’Ucraina.

Van der Poel dice che sta trattenendo le sue critiche “perché abbiamo ancora una squadra in Cina”. Gli atleti si parlano a malapena di politica mondiale, dice. Van der Poel dice anche di essersi divertito molto durante i Giochi, dove ha vinto l’oro nei 5.000 e 10.000 metri nel pattinaggio di velocità su pista lunga. “I cinesi che ho incontrato sono stati assolutamente fantastici e mi sono divertito moltissimo”.

Olandese corrotto

Ha suscitato scalpore la scorsa settimana quando ha accusato di corruzione la squadra di pattinaggio olandese a Pechino perché cerca costantemente di influenzare il maestro del ghiaccio. Dopo il suo giro d’oro della 10 km, ha suscitato meraviglia anche pubblicando online i suoi orari di allenamento.

READ  "Secondo i media italiani, Feyenoord, Ajax e PSV sono stati completamente presi alla sprovvista"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *