Il primo ministro pachistano elude la mozione indire nuove elezioni

Il primo ministro pachistano elude la mozione indire nuove elezioni

Nessun primo ministro nella storia del Pakistan è stato in grado di adempiere l’intero mandato. Spesso ha avuto a che fare con l’esercito, che controlla molto bene il governo del paese – e ha ripetutamente preso tutto il potere con un colpo di stato.

L’ubicazione di Imran Khan è parallela anche alla sua relazione con “Rawalpindi”, dove si trova il quartier generale dell’esercito. Sebbene un ex giocatore di cricket e attivista anticorruzione abbia anche dato ai giovani elettori molte speranze, è opinione diffusa che non avrebbe potuto vincere le elezioni del 2018 senza il sostegno dei militari.

La sua performance sull’economia è da tempo criticata e nel 2020 si sono registrate anche grandi proteste guidate da una coalizione di partiti di opposizione. Ma nel corso del 2021, è diventato chiaro che l’esercito non era più con lui, poiché Khan e il capo dell’esercito, il generale Qatar Bajwa, hanno pubblicamente litigato sulla successione del capo dell’intelligence.

Bajwa ha vinto la battaglia. Nelle ultime settimane, Bajwa ha espresso dispiacere per la posizione di Khan sulla guerra in Ucraina, che non ha condannato. Mentre Khan ha definito il voto di sfiducia una cospirazione americana, sabato Bajwa si è pronunciato contro la guerra e per gli Stati Uniti.

L’opposizione non fa mistero di utilizzare queste nuove relazioni presentando ora il voto di sfiducia.

READ  Irlanda piange Ashling Murphy, insegnante 23enne strangolata mentre faceva jogging - Corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *