Il regista Joost van der Wiel sul documentario Extra Hands: “Voglio dare agli operatori sanitari un volto che non si sente né si vede”

Il regista Joost van der Wiel sul documentario Extra Hands: “Voglio dare agli operatori sanitari un volto che non si sente né si vede”

Il regista Joost van der Wiel sul documentario Extra Hands: “Voglio dare agli operatori sanitari un volto che non si sente né si vede”

Bibiche, Linda, Iman e Marco, 4 assistiti, si stanno riqualificando in ambito sanitario. Partono con entusiasmo, ma cosa fanno di fronte alla dura realtà del nostro sistema sanitario? Il regista Joost van der Wiel dirige il documentario Mani in più. Spiega perché è importante prestare attenzione all’argomento e perché sta girando il documentario.

Perché hai realizzato questo documentario?

“Penso che risalga a mia madre. Ha lavorato nel settore sanitario per molto tempo. Ho assistito da vicino all’evoluzione del suo lavoro. Tagliare semplicemente le verdure con le persone con cui lavorava non era più consentito e tutta l’amministrazione doveva essere fatta. Ho visto cosa gli ha fatto. Per me, questo è il cuore dell’interesse per l’assistenza sanitaria. Inoltre, il mondo dell’assistenza agli anziani si sta avvicinando, poiché anche i miei genitori stanno invecchiando. E infine, ho realizzato un film per questo con un medico generico. Ho visitato molte case di riposo con lui. Ho visto le persone che ci lavorano ogni giorno e mi sono chiesta: che aspetto ha effettivamente e cosa devono affrontare?

Perché è importante prestargli attenzione?

“Ho notato da quello che vediamo nelle notizie che l’asticella è molto alta e l’assistenza è molto buona per le persone che invecchiano. Ma l’attenzione e l’apprezzamento delle persone che ci lavorano è molto minore. Ad esempio anche finanziariamente, ma anche nel posto che c’è per la formazione. Ho già fatto un documentario su un dottore. Un grande uomo carismatico. Volevo solo mostrare persone che forse non sono così importanti. Le persone che a malapena noti e vedi danno un volto. “

mani in più

Leggi anche: 2Doc: mani extra

READ  Gli spettatori umani più intelligenti scherzano sulla domanda del visualizzatore del mittente

Come sei arrivato al progetto centrale del documentario?

“Tramite un mio contatto sono andato a vedere i reparti delle case di cura e le attività diurne. Stavo cercando stage e l’afflusso di nuove persone quando qualcuno mi ha informato che c’era un altro progetto. Era quasi Va bene a Rotterdam dove i beneficiari hanno completato uno stage in case di riposo.

Com’è stato per te lavorare su questo?

“Sono stato molto toccato dalle storie che ho ricevuto su ciò che i partecipanti stanno già facendo a casa e il peso sulle loro spalle. Debiti, responsabilità verso gli altri, gestire una famiglia o cose del passato. Si è manifestato in tutte le piccole cose. Dopo un giorno, per esempio, abbiamo appreso che uno dei nipoti di Linda era morto. Ha una mentalità che deve essere continuata. Poi devi deglutire, perché ne aveva già passate tante. Ma una volta dopo le registrazioni mi è stato anche chiesto se qualcuno potesse venire con me. Non poteva pagare la bolletta del gas. Quando è tornata a casa in bicicletta sotto la pioggia, non si è asciugata al freddo. Ma nonostante tutti questi fardelli e responsabilità, noti che la cura è in loro e deve venire fuori. Qualcosa che viene molto naturale.

2Doc: mani extra può essere visto giovedì 6 luglio 2023 alle 22:20 MAX su NPO 2. Ti piacerebbe guardarlo quando vuoi o guardarlo più tardi gratuitamente? Va bene Inizio Onlus.

(Foto: MAX)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *