Fisioterapia postnatale: 3 esercizi da fare a casa

Fisioterapia postnatale: 3 esercizi da fare a casa

Fisioterapia postnatale: 3 esercizi da fare a casa










In questo articolo

Fisioterapia postnatale: 3 esercizi da fare a casa




deporre





La gravidanza e il parto possono mettere a dura prova il tuo corpo e poi sopraffarti con fastidiosi disturbi. È quindi importante rafforzare nuovamente i muscoli dentro e intorno al bacino. Un fisioterapista può aiutarti in questo sotto forma di esercizi postnatali.





Leggi anche: Importanza del pavimento pelvico: ‘La metà delle donne incinte soffre di perdita di urina’


Che cos’è la fisioterapia postnatale?





Getty_fisioterapia postnatale_baby_2023.jpg

© Getty Images

La fisioterapia postnatale consiste in esercizi che fai dopo il parto sotto la supervisione di un fisioterapista. Gli esercizi si rivolgono principalmente al pavimento pelvico e ai muscoli addominali. Puoi iniziare la terapia da quattro a cinque settimane dopo il parto naturale. Con un taglio cesareo, è meglio aspettare da sei a sette settimane prima di iniziare gli esercizi.

Leggi anche: Perché gli esercizi per il pavimento pelvico non sono importanti solo per le donne incinte?









Perché la fisioterapia postnatale?





L’obiettivo della terapia è migliorare la postura, ripristinare la stabilità del core e riprendere le attività sportive. Disturbi come mal di schiena, dolore al collo, dolore alla spalla, dolori muscolari addominali, ritenzione di liquidi o perdita involontaria di urina possono essere risolti con esercizi postnatali.

Leggi anche: Perdita involontaria di urina: incontinenza da stress o incontinenza da stress

READ  "Tutti dovrebbero esercitare trenta minuti al giorno" - New Scientist






esercizi a casa





A seconda dei tuoi disturbi, il fisioterapista ti insegnerà alcuni esercizi specifici. Puoi anche eseguire questi esercizi a casa. Alcuni esempi di esercizi postnatali:
  1. Sdraiati sulla schiena con le gambe piegate. Contrai i muscoli del pavimento pelvico chiudendoli e tirandoli verso l’interno. In questo modo eserciti sia la funzione di chiusura che quella di sostegno di questi muscoli. Poi rilassa i muscoli del pavimento pelvico. Fai una serie di dieci esercizi, almeno tre volte al giorno, sdraiato sulla schiena, sdraiato su un fianco, seduto o in piedi.
  2. Sdraiati sulla schiena con le ginocchia piegate e i piedi appoggiati sul pavimento. Metti le mani sulla pancia e fai un respiro profondo. Con una buona respirazione addominale, la tua pancia si alza e si abbassa mentre respiri. Quindi prova a tirare dentro la pancia un po ‘di più ad ogni espirazione. Questo è un buon esercizio per stringere gli addominali.
  3. Sdraiati sulla schiena con le ginocchia piegate e inclina il bacino verso di te mantenendo i glutei a terra. Premi la parte bassa della schiena sul pavimento il più saldamente possibile. Il tuo ombelico si sposta verso la colonna vertebrale e leggermente verso l’alto in questo esercizio. Mantieni questa posizione per dieci secondi e ripeti l’esercizio dieci volte. È così che rafforzi gli addominali.

Leggi anche: Esercizi per rafforzare il pavimento pelvico






Rimborso della fisioterapia postnatale





La fisioterapia postnatale è rimborsata dalla maggior parte delle mutue. Hai diritto a nove sedute rimborsate. Scegli tu come distribuire queste sessioni nel periodo prima e dopo il parto. Le sedute sono prescritte dal medico di base o dal ginecologo.

Una seduta con un fisioterapista registrato costa tra i 25 ei 30 euro. Un fisioterapista non convenzionale sceglie le proprie tariffe. Si consiglia di frequentare almeno due sessioni di fisioterapia a settimana da 30 minuti a un’ora.

READ  Da ESA e NASA due sonde su Venere, entrambe in arrivo ad agosto

Leggi anche: La metà delle mamme soffre di prolasso degli organi pelvici (POP)









Leggi anche: “Sostituisci ‘instabilità pelvica’ con ‘dolore pelvico e lombalgia'”









Fonti:
























Ultimo aggiornamento: luglio 2023


















Articoli sulla salute nella tua casella di posta? Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi un e-book gratuito con ricette sane per la colazione.




























Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *