Il sindacato CNV minaccia di scioperare nei centri di distribuzione Albert Heijn |  Interni

Il sindacato CNV minaccia di scioperare nei centri di distribuzione Albert Heijn | Interni

I sindacati minacciano di colpire i centri di distribuzione di Albert Heijn. La catena di supermercati ha tempo fino a domenica per rispondere a un ultimatum dei sindacati. Se Albert Heijn non soddisfa le loro richieste per un nuovo contratto collettivo di lavoro, seguiranno azioni.

Secondo la negoziatrice del CNV Soraya Faez, le conseguenze di un possibile sciopero se Albert Heijn non lo farà prima di domenica possono essere “indovinate”. “Allora i supermercati AH saranno poco riforniti e gli scaffali diventeranno sempre più vuoti”.

Il sindacato FNV sottolinea che ci sono già stati scioperi selvaggi a Pijnacker e Tilburg all’inizio di questo mese. Poi, le persone presenti in questi siti hanno spontaneamente interrotto temporaneamente il lavoro, senza che il sindacato fosse formalmente coinvolto.

“Continuiamo a stupirci”, afferma Shefania Sewbaks, direttrice della FNV, a proposito della contrattazione collettiva per i centri di distribuzione. ,,La direzione ritiene che con il 6% di stipendio in più ad aprile e il 2% a gennaio, stia offrendo un aumento salariale adeguato che rende giustizia agli sforzi dei lavoratori del centro logistico. Pensiamo che sia troppo poco. E anche la gente lo pensa. Quasi tutti sono pronti ad agire.

A tavola

Albert Heijn, dal canto suo, ritiene che ci sia un “bel pacchetto per l’occupazione”. Il canale vorrebbe discuterne con i sindacati. Albert Heijn ha sei centri di distribuzione nei Paesi Bassi. Secondo la catena, vi lavorano circa 6.000 persone, di cui circa la metà con lavoro temporaneo. Tutte le filiali Albert Heijn nei Paesi Bassi e in Belgio vengono rifornite da questi centri di distribuzione.

READ  Tasse, arriva il nuovo 730: cambia la dichiarazione dei redditi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *