Jérémy Doku sugli infortuni e sull’Europeo: “Non voglio rivivere una sconfitta del genere contro l’Italia”

Jérémy Doku sugli infortuni e sull’Europeo: “Non voglio rivivere una sconfitta del genere contro l’Italia”

Dopo numerosi infortuni, Jérémy Doku è tornato allo Stade Rennes. Come ha vissuto questo periodo e che impatto ha avuto su di lui l’Europeo? Undici Sport sono andati a chiedere.

“E’ la prima volta che ho avuto così tanti infortuni. Come l’ho affrontato? All’inizio non sei preparato. L’anno scorso ho giocato molte più partite senza infortuni. Questa stagione è andata molto velocemente e Mi sono infortunato, diversi infortuni di seguito. Poi devi essere mentalmente forte per questo, perché altrimenti è molto difficile tornare più forte. L’idea è quella di tornare più forte dopo un infortunio ovviamente è la più difficile.

EURO 2020

“Ovviamente è stato molto bello partecipare all’Europeo. Ma quando ripenso a quel quarto di finale contro l’Italia, ricordo ancora la mia delusione. Ero davvero in fondo e davvero non felice perché sapevo che “Potremmo vincere con questa squadra. Volevamo tutti andare molto oltre, ovviamente. Abbiamo davvero avuto la possibilità di creare qualcosa di molto più bello. Peccato che ci siamo lasciati così presto.

«Allora non me ne rendevo conto. Vedere l’Italia festeggiare accanto a te è difficile da digerire. Anche se sapevo di aver giocato bene, me ne ero già dimenticato. Volevo solo vincere, quindi è stato un vero peccato. Se lo vedi, non vorrai riviverlo in un torneo come questo. Quindi il prossimo torneo… è stato il mio primo torneo. Ci sono passato una volta per perdere così. L’Italia è ovviamente una buona squadra, devo ammetterlo. Ma non voglio più vivere quell’esperienza.

“Ero meglio conosciuto in Belgio all’RSC Anderlecht. Anche se ho giocato per la nazionale, ero conosciuto principalmente in Belgio e non proprio all’estero. Dopo aver suonato in Francia, ho acquisito un po’ più di notorietà. Ma dopo il campionato europeo, sono diventato davvero molto più famoso a livello internazionale dopo quella partita. Sui social, su tutto davvero. Ha cambiato tutto. Questo gioco ha davvero cambiato la mia vita. Anche per strada e in vacanza, tutti ti conoscono e parlano di te. È davvero strano, perché poi dici “L’hanno visto tutti davvero?” È molto strano, ti senti come se fossi improvvisamente su un livello diverso. Quindi sì, è molto diverso.

READ  La crisi delle nascite in Italia riduce le classi scolastiche, dice il ministro

Trova il rapporto completo con Jérémy Doku questo fine settimana su Eleven Sports durante l’intervallo delle partite internazionali.

“E’ la prima volta che ho avuto così tanti infortuni. Come l’ho affrontato? All’inizio non sei preparato. L’anno scorso ho giocato molte più partite senza infortuni. Questa stagione è andata molto veloce e io si è infortunato, diversi infortuni di seguito. Quindi devi essere mentalmente forte per questo, perché altrimenti è molto difficile tornare più forte. È l’intenzione di tornare più forte dopo un infortunio, questa è la parte più difficile ovviamente.” Ovviamente l’Europeo è stato molto piacevole da vivere, ma quando ripenso a quel quarto di finale contro l’Italia, ricordo ancora la mia delusione, ero davvero nel profondo e davvero infelice perché sapevo che avremmo potuto vincere con questa squadra. Volevamo tutti andare molto oltre, ovviamente. Abbiamo davvero avuto la possibilità di creare qualcosa di molto più bello. Peccato che siamo partiti così presto. “Allora non me ne rendevo conto. Vedere l’Italia festeggiare accanto a te, c è difficile da digerire. Anche se sapevo di aver giocato bene, me ne ero già dimenticato. Volevo solo vincere, quindi è stato un vero peccato. Se lo vedi, non vorrai riviverlo in un torneo come questo. Quindi il prossimo torneo… è stato il mio primo torneo. Ci sono passato una volta per perdere così. L’Italia è ovviamente una buona squadra, devo ammetterlo. Ma non voglio più vivere quell’esperienza. “Ero meglio conosciuto in Belgio all’RSC Anderlecht. Anche se ho giocato per la nazionale, ero conosciuto principalmente in Belgio e non proprio all’estero. Dopo aver suonato in Francia, ho acquisito un po’ più di notorietà. Ma dopo il campionato europeo, sono diventato davvero molto più famoso a livello internazionale dopo quella partita. Sui social, su tutto davvero. Ha cambiato tutto. Questo gioco ha davvero cambiato la mia vita. Anche per strada e in vacanza, tutti ti conoscono e parlano di te. È davvero strano, perché poi dici “L’hanno visto tutti davvero?” È molto strano, ti senti come se fossi improvvisamente su un livello diverso. Quindi sì, è molto diverso. Trova il rapporto completo con Jérémy Doku su Eleven Sports questo fine settimana durante l’intervallo delle partite internazionali.

READ  I paesi del G7 mettono fine ai vantaggi commerciali della Russia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *