In Italia gli esercenti potranno presto richiedere il pagamento in contanti

Quando i clienti vorranno pagare meno di 60 euro, presto gli esercenti in Italia non saranno più obbligati ad accettare mezzi di pagamento elettronici; possono chiedere denaro. Il provvedimento fa parte del piano di bilancio della Meloni per il 2023, che i parlamentari stanno attualmente valutando. Secondo il governo, dare più spazio ai pagamenti in contanti significa “più libertà”.

Ritiene inoltre che la commissione che i commercianti pagano alla banca per le transazioni elettroniche sia troppo alta; in media l’1,1% dell’importo pagato con carte di pagamento, smartphone e dispositivi portatili. I volti di molti baristi, tassisti e negozianti possono rapidamente trasformarsi da solari a scontrosi quando qualcuno vuole pagare qualche decina – figuriamoci 1,50 sterline per il cappuccino quotidiano – con la carta di debito. Matteo Salvini, il leader del partito di coalizione Lega, ha dichiarato la scorsa settimana: “Se non paghi in contanti per un caffè, sei una seccatura”.

Ma gli esperti che vogliono contrastare l’evasione fiscale affermano che i pagamenti digitali in Italia dovrebbero essere potenziati in ogni modo possibile. Dopotutto, le autorità fiscali possono tracciare queste transazioni. Sebbene gli italiani utilizzino sempre più i pagamenti elettronici, sono ancora in ritardo rispetto agli altri paesi dell’UE.

100 miliardi di evasione fiscale

Nel 2021, il 52% di tutti i pagamenti in Italia era elettronico, rispetto all’80% nei Paesi Bassi. È uno dei motivi per cui Mario Draghi, predecessore di Meloni, l’estate scorsa ha reso obbligatorio per i rivenditori avere un lettore di carte mobile a casa. Ora possono essere multati se non accettano pagamenti elettronici, non importa quanto piccoli.

Roma si è accordata con la Commissione Europea per combattere meglio l’evasione fiscale – stimata in circa 100 miliardi di euro l’anno – e per migliorare la riscossione delle imposte (la cosiddetta divario fiscale dovrebbe ridursi). Questa è una delle condizioni che l’Italia deve soddisfare per ricevere i circa duecento miliardi del fondo europeo per il recupero dal Corona.

La destra radicale Giorgia Meloni, al potere da ottobre, dice di voler mantenere questa promessa di Bruxelles. Il suo governo sembra concentrarsi principalmente sulla riduzione di una serie di tasse, comprese quelle sul reddito dei piccoli imprenditori, dei lavoratori autonomi e di altri professionisti, coloro che possono evadere le tasse su larga scala. L’idea di fondo è che se il fisco chiede loro meno soldi, saranno più inclini a pagare onestamente il prezzo pieno.

Gli sgravi fiscali comportano solo una piccola riduzione delle frodi

L’Italia è piena di critiche a questa politica del governo. Lo scrive su un quotidiano il professor Alessandro Santoro, che insegna scienze finanziarie a Milano La Repubblica che esiste certamente una relazione tra aliquote fiscali ed evasione fiscale, ma che le riduzioni fiscali producono una riduzione relativamente piccola dell’evasione fiscale. “Quindi sarebbe molto rischioso e piuttosto costoso per lo stato fare affidamento solo su questo”.

Lunedì, un alto funzionario della Banca d’Italia ha sottolineato in parlamento che un rivenditore spende di più per prevenire il furto di denaro che per le commissioni. “E più spazio per i pagamenti in contanti contrasta con lo spirito del piano del Corona Recovery Fund, che ci spinge verso la modernizzazione”, ha detto Fabrizio Balassone. Si riferiva chiaramente anche a un secondo controverso provvedimento di manovra: quello dell’innalzamento del tetto dei pagamenti in contanti da 2.000 a 5.000 euro.

Il premier Meloni non sembra del tutto insensibile a tutte le critiche. Domenica ha detto su Facebook che il limite inferiore di sessanta euro per i pagamenti elettronici non è scolpito nella pietra. “Diciamo che 60 euro sono indicativi. Questa soglia può essere abbassata anche da parte mia.

Leggi anche:

I contanti stanno scomparendo sempre di più dall’immagine, ma per ora non scompariranno

I Paesi Bassi sono uno dei paesi al mondo con le migliori possibilità di dire addio ai contanti.

READ  Dove mangia Kaat Bollen? "Solo una vacanza in famiglia in Italia" (cibo e bevande)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *