In Memoriam Mauro Forghieri 1935-2022. L’Italia piange un genio

In Memoriam Mauro Forghieri 1935-2022. L’Italia piange un genio

Questa mattina è arrivato dall’Italia il messaggio che l’ex ingegnere Ferrari Mauro Forghieri è morto all’età di 87 anni. Negli anni Sessanta e Settanta Mauro Forghieri propone al marchio di Maranello ben sette campionati costruttori e quattro mondiali. Forghieri è stato per decenni il volto della Ferrari. Alla fine del 1984 lascia il marchio dopo un disaccordo.

Mauro Forghieri dà gli ultimi indizi a Carlos Reutemann, scomparso lo scorso luglio.

Testo e foto: Willem J Staat

In Memoriam Mauro Forghieri 1935-2022. L’Italia piange un genio
L’Italia oggi piange la scomparsa di Mauro Forghieri, l’uomo che per quasi 25 anni è riuscito a mettere la Ferrari sulla mappa del mondo con innumerevoli successi. È morto un grande uomo. La Ferrari ha subito reso omaggio all’uomo che ha reso famoso il marchio nel motorsport. In una dichiarazione, de Scuderia ha dichiarato: “Le leggende durano per sempre. È stato un onore scrivere la storia insieme. La Ferrari e il mondo del motorsport non ti dimenticheranno mai”.

Luca di Montezemolo (Presidente Ferrari 1991-2014): “Con Mauro non dobbiamo solo salutare uno dei più grandi tecnici italiani, ma anche un amico e collaboratore con il quale ho passato successi meravigliosi e indimenticabili”.

Il sindaco di Modena ha affermato che il Paese ha perso un punto di riferimento. Il 13 gennaio Forghieri è stato dichiarato cittadino onorario di Modena. Messaggi di sostegno sono arrivati ​​anche da Maranello e dalla comunità emiliano-romagnola.

2022 312 Q2La bellissima Ferrari T2 con la quale Lauda ha vinto il suo secondo campionato del mondo.

Dopo che Enzo fece ripulire la Ferrari nel 1961 mostrando la porta a tecnici come Carlo Chiti, Forghieri, allora 25enne, fu nominato capo del reparto gare. La Ferrari 250 GTO è stato uno dei suoi primi progetti ed è diventato un classico di tutti i tempi per il quale ora vengono pagati milioni all’asta. Sotto la sua guida ispiratrice, John Surtees vinse il suo primo e unico campionato del mondo nel 1964 con la Ferrari 158. Surtees fu anche il primo e unico campione del mondo a diventare campione del mondo su due e quattro ruote.

READ  Coronavirus, le ultime notizie dall'Italia e dal mondo su Covid-Corriere.it

Da lui sono state realizzate anche bellissime creazioni come la famosa Ferrari P4 e la serie 312 PB. Mauro Forghieri progettò le fortunate vetture della serie 312, tutte dotate di cambio trasversale azionato da un motore piatto V12.

Alla fine del 1973 Niki Lauda firmò con la Ferrari. Lauda fece una ferma richiesta. Perché la Scuderia avesse successo, i progetti Endurance dovevano essere fermati. Con il cuore pesante, il vecchio Enzo e Forghieri cedettero a questa richiesta. Un focus totale sulla Formula 1 ha riportato il marchio ai vertici del mondo dei Gran Premi. Nel 1975, con Lauda, ​​arriva il secondo titolo sul curriculum dell’ingegner Forghieri. La seconda seguì nel 1977, dopo che l’austriaco reagì con successo con la Ferrari 312 T2 firmata da Mauro Forghieri dopo l’incidente quasi fatale al Nürburgring del 1976.

2022 Carlos Reutemann
Carlos Reutemann con la Ferrari 312 T3 firmata Forghieri

Mauro Forghieri progettò le fortunate vetture della serie 312, tutte dotate di cambio trasversale azionato da un motore piatto V12. Nel 1979 Jody Scheckter vinse il campionato del mondo per la Ferrari con una Ferrari T4. La serie 312 è stata sostituita dalla serie 126C. (126CK, 126C2, 126C3, 126C4). Auto che erano tutte dotate di un motore turbo. Dannatamente veloce ma a volte con la guida di un camion come il 126 CK. Non davano più campionati del mondo.

Non è stato un periodo facile per Forghieri. Gilles Villeneuve e l’ambizioso Didier Pironi si sono succeduti nel 1982. Villeneuve ha avuto un incidente mortale sul circuito di Zolder mentre un Pironi sfocato è caduto pesantemente pochi mesi dopo a Hockenheim. Il francese si è ripreso ma non ha mai più guidato. Fu ucciso in una gara di motoscafi nel 1987. La battaglia interna a squadre tra Villeneuve e Pironi deve aver lasciato una grave cicatrice nella sua vita personale.

READ  Casi di furto di dati personali online nel 2021 in Italia

2022 Mauro 3
Un momento del 1982 che rimarrà nella mia retina per il resto della mia vita.

Ma Forghieri è rimasto calmo in ogni circostanza. Vedetelo tornare ai box nel 1982 a testa alta e con in mano il casco Pironi insanguinato. Il giorno successivo, il compagno di squadra di Pironi, Patrick Tambay, vinse il Gran Premio di Germania. Il genio Mauro Forghieri è sempre rimasto protagonista in circostanze estreme.

Ferrari 126 C1 2022
Gilles Villeneuve in azione con la prima (anzi la seconda Turbo Ferrari 126C1)

Dopo la Ferrari, Forghieri è passato alla Lamborghini in F1. Non è stato esattamente un grande successo. Nemmeno dopo la ristrutturazione della Lamborghini in una squadra modenese. Il successo non c’è stato e la squadra modenese è scomparsa silenziosamente dalle scene. Successivamente è stato coinvolto nell’agenzia edile Oral, di cui appartengono ai clienti le moto BMW, Bugatti e Aprilla. Fino a poco tempo, Mauro era ancora lì a dare consigli. Sotto la sua guida, la Scuderia ha vinto ben 54 gare di Formula 1.

2022 Mauro 2
Una giornata di prova come quella vissuta tra la fine degli anni 70 e l’inizio degli anni 80. Consultazione tra Pascal Dupasquier della Michelin e Mauro Forghieri con Gilles Villeneuve nel 1978. Raccolta dati vecchio stile.

Nel 1994 Forghieri fece anche parte della commissione d’inchiesta sulla morte di Ayrton Senna. Inoltre, l’ingegnere vecchio stampo Forghieri si è espresso contro le opzioni artificiali del DRS. Non aveva assolutamente nulla a che fare con questo. Mauro Forghieri, uno degli ultimi ingegneri dell’era pre-CADCAM/IT, ha lasciato un’eredità e una storia incredibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *