Incidente Verstappen, cari accusano Lewis Hamilton e Toto Wolff

La polemica infuria nel circo dopo l’incidente di Max Verstappen nel secondo turno del Gran Premio di Gran Bretagna. Dopo avanti e indietro al Sunday Cannon Cotton tra i due protagonisti, la rabbia del toro rosso, con il padre del pilota, , che ha attaccato con forza Lewis Hamilton dopo il contatto durante la gara che ha innescato l’incidente.

Non festeggi la tua vittoria con questa euforia quando il tuo collega è ancora in ospedale. Hamilton giocato con la salute di Max, la punizione non è stata abbastanza severa, non avrebbe dovuto vincere dopo una simile manovra “, è stato detto a F1-insider.com. “Ma non credo che possiamo ottenere una sanzione retroattiva”.

Le condizioni di Verstappen ora sono buone: “Fortunatamente Max ora sta bene, anche se era senza fiato dopo l’incidente. Hanno effettuato controlli approfonditi, nulla si è rotto”.

Jos Verstappen ha poi preso di mira il boss della Mercedes Totò Wolff, con parole molto dure: “Ci ha sempre chiamato in passato per adularci e credo che tutti sappiano perché. Ieri non è stato ascoltato”.

La tensione è alle stelle per una sfida che infiammerà la seconda parte del Mondiale di Formula 1. In mattinata la Red Bull aveva ha condannato gli insulti razzisti contro Hamilton: “Anche se possiamo essere fieri rivali in pista, siamo tutti uniti contro il razzismo. Condanniamo messaggi di odio razziale di qualsiasi tipo alla nostra squadra, ai nostri avversari e ai nostri tifosi. Come squadra, siamo disgustati e rattristati nel vedere l’odio razziale che Lewis Hamilton ha subito sui social media ieri dopo l’incidente con Max Verstappen. Per queste cose non c’è mai nessuna giustificazione, di certo non c’è posto per questi comportamenti nel nostro sport e i responsabili devono assumersene la responsabilità”.

READ  Iva Zanicchi ricoverata al Covid di Vimercate: "Sono ancora malata, attenti al virus"

OMNISPORT | 07-19-2021 21:07

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *