Intimidazioni e nepotismo: Jacobine Geel si dimette dalla presidenza dell’Istituto olandese per i diritti umani |  interno

Intimidazioni e nepotismo: Jacobine Geel si dimette dalla presidenza dell’Istituto olandese per i diritti umani | interno

Jacobine Geel si è temporaneamente dimessa da Presidente del Consiglio per i Diritti Umani, poiché afferma di essersi ammalata a causa della crisi amministrativa. Ha informato i suoi colleghi per posta.

Il mese scorso, i redattori di ricerca di NOS e ora delle notizie che quattro dei suoi sette colleghi hanno denunciato molestie, discriminazioni e favoritismi nei suoi confronti. La situazione si è ora deteriorata a tal punto che i membri del Consiglio non sono più in grado di prendere decisioni insieme. A causa della conseguente crisi gestionale, l’organizzazione non avrebbe più “l’influenza [hebben] avrebbe dovuto” ed è “nella zona di pericolo”.

In una lettera ai suoi colleghi, Geel scrive che la segnalazione l’ha colpita profondamente e che considera pericolosa la situazione attuale: “Nell’interesse della mia salute, sono temporaneamente impossibilitata a svolgere i miei compiti quotidiani in modo accettabile. in il contesto reale. circostanze.’ Nonostante tutte le reazioni commoventi che scrive di aver ricevuto, sperimenta anche una “crescente oppressione della mia realtà di presidente”.

Geel scrive anche di non riconoscersi nelle accuse di nepotismo, abuso di posizione e che non sarebbe ritenuta responsabile delle sue azioni. Dice anche di essere stata profondamente toccata dal fatto, dalla natura e dall’imprevisto del rapporto. Avrebbe voluto parlare lei stessa con i giornalisti in anticipo, ma dice di non essere stata così fortunata. Jacobine Geel è presidente del consiglio di amministrazione dal 1° settembre 2021.

Caso di sovrapprezzo

L’Istituto per i diritti umani conduce ricerche, fornisce consulenza al governo e al parlamento e riferisce alle istituzioni internazionali per i diritti umani. Inoltre, il Consiglio decide in singoli casi se qualcuno è stato discriminato sul lavoro, nell’istruzione o come consumatore. Ad esempio, la Commissione si sta attualmente occupando di dozzine di casi che coinvolgono vittime del caso di prestazioni. La prossima sessione continuerà come di consueto, secondo il Consiglio. Il ministro Franc Weerwind per la tutela legale ha istituito una commissione d’inchiesta sulla vicenda. È presieduto dall’ex ministro – e ora ministro di Stato – Winnie Sorgdrager. Geel si dice molto disponibile a partecipare alle indagini condotte dall’ex ministro Winnie Sorgdrager.

READ  Volkswagen ID.3, arriva la "versione base": con interessanti incentivi di prezzo

“Molte affermazioni, nessun fatto”

Il vicepresidente Jan-Peter Loof è stato nominato presidente ad interim. In un messaggio su LinkedIn, ha detto venerdì sera che “si incontrerà lunedì con la Commissione Sorgdrager, che indagherà per scoprire se i fatti possono essere accertati” sul presunto abuso. Continua: “Al momento, noto che vedo molte affermazioni al riguardo nei media, ma nessun fatto”.

Loof invita tutti i membri del consiglio a “concentrarsi completamente sulla cooperazione con l’indagine di questa Commissione”. Quando è stato chiesto, un portavoce ha detto che “tutte le sessioni programmate continueranno come al solito”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *