Jackal Thijs “terrorizzato” nei giorni del DWDD: “Urlando”

Jackal Thijs “terrorizzato” nei giorni del DWDD: “Urlando”

Matthijs Kleyn (43) può anche parlare del comportamento trasgressivo di ‘De Wereld Draait Door’. L’ex “Jakhal Thijs” racconta la sua storia sulle sue esperienze al “DWDD” su RTL Boulevard. “La storia di ‘de Volkskrant’ mi fa sentire più di quanto mi aspettassi”, inizia Matthijs.

“Non avevo mai pianto al lavoro prima”

“Le esperienze che ho avuto nel programma sono vecchie di dieci anni. Ho inconsciamente assegnato loro un posto quando sono andato avanti dopo il mio periodo da sciacallo. Leggere l’articolo di ieri mi ha fatto sentire di nuovo l’atmosfera, la tensione, la paura di dire la cosa sbagliata o fare qualcosa che potrebbe causare rabbia.

Quando ho iniziato a DDD tutto andava bene. Il team era composto da persone simpatiche e mi trovavo bene con Matthijs e l’editore Dieuwke. Tuttavia, la mia immagine di Dieuwke in particolare è cambiata rapidamente. Nelle riunioni mattutine, poteva scatenarsi. Poi ha urlato contro i giovani redattori quando è stato suggerito un argomento che era già stato trattato in un altro programma. Poi ha sbattuto la mano sul tavolo e ha sbattuto le porte. La prima volta che è successo, sono scoppiata a ridere. Pensavo fosse uno scherzo, ma i redattori si sono rivelati terrorizzati. Lo sono diventato anch’io.

Anteprima in miniatura

Leggi anche:

Mariëtte Hamer sostiene la ricerca DWDD “il più indipendente possibile”

Più grande diventava la paura, più significava un complimento. A volte mi ha scritto durante lo spettacolo che il mio video era fantastico. Ti ha messo su un piedistallo, ma la mattina dopo ti ha licenziato. Poi sono dovuto venire in ufficio e lei mi ha urlato contro. Poi ho dovuto spiegare come mi sono messo in testa di consegnare qualcosa del genere. Ho capito solo dopo un po’ cosa era successo: Matthijs le si è avvicinato dopo lo spettacolo e le ha detto quello che secondo lui non andava. Non gli ha detto che le piaceva il mio video e non aveva più importanza.

READ  Raffaella Carrà, scandaloso il ricordo di Maurizio Casagrande: i tifosi in rivolta

Un momento clou è stato un film su Ramses Shaffy. Il muro della sua casa di cura è stato deturpato e sono andato a pulirlo con Amsterdammer noti e sconosciuti. Nessuno ha detto niente nel video, c’era solo la musica di Ramses. Alle sette di sera ho sentito che non sarebbe andato in onda, perché c’erano notizie sull’Ajax. Sono andato in studio per convincere Dieuwke a pubblicarlo comunque, perché era davvero bellissimo. Mi ha urlato contro davanti a tutti. Come mi è venuto in mente di contraddirla. Rabbrividii e tacqui. Nessuno ha detto niente tranne Peter R. de Vries, che era lì per via dell’Ajax. Le disse con calma che trovava il suo tono “duro e cattivo” e disse che era curioso di vedere il mio video. È andato in onda il giorno successivo. Ho ricevuto i complimenti da Matthijs e il video è diventato virale. La breve risposta di Dieuwke, tuttavia, fu che la prossima volta avrebbe risposto esattamente allo stesso modo. Ha fatto in modo che tu non potessi mai goderti il ​​tuo successo.

Anteprima in miniatura

Leggi anche:

NPO e le emittenti agiscono dopo le rivelazioni del DWDD

Il mio punto debole era un film su Tineke Schouten. Aveva vinto un premio e un editore mi ha indirizzato a lei. Nella mia tasca interna c’erano barzellette scritte dai redattori: erano titoli divertenti per i suoi futuri spettacoli teatrali, visto che avevano sempre nomi così strani. Tuttavia, Tineke Schouten non si rendeva conto che si trattava di barzellette, quindi il video non era divertente. Ho chiamato Dieuwke per dirgli che era come se stessi prendendo in giro Tineke Schouten e che non volevo che andasse in onda. Dieuwke lo ha inviato comunque. Personaggi famosi mi hanno fatto ridere dopo questo video: Jochem Myjer, Nico Dijkshoorn, Claudia de Breij. E avevano ragione, perché sembrava irrispettoso. I media ne hanno parlato e volevano parlare con me, volevo consigli da Dieuwke su cosa farne. Speravo che mi proteggesse, che indicasse che io stesso disapprovavo il video e che non era una mia idea. Tuttavia, non ha risposto al telefono: c’era il prossimo spettacolo. Mostra dove si trova DDD Riguardava il marchio, non le persone.

READ  il caso si complica - Libero Quotidiano

Anteprima in miniatura

Leggi anche:

I noti Paesi Bassi reagiscono al comportamento “eccessivo” di Matthijs van Nieuwkerk

La mia fine è arrivata inaspettata. Volevo che il mio nuovo contratto iniziasse dopo l’estate. Se non duravo tutta la nuova stagione, almeno potevo fermarmi quando volevo. Ad esempio, se esci a dicembre, devi rimborsare i tre mesi estivi. Mi è stato addebitato che avevo intenzione di farlo DDD partire in futuro. Mi sono seduto nell’ufficio di Dieuwke e ho sentito che potevo fare i bagagli e andarmene immediatamente.

Leggendo l’articolo di ieri, mi sono ricordato di aver passato dieci minuti a piangere nel suo ufficio. Non avevo mai pianto al lavoro prima. Quando sono tornato a casa con le mie cose, ho visto su Facebook che mi aveva già rimosso dalla sua lista di amici. Mi sentivo devastato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *