D66: diritto all’istruzione per un gruppo dimenticato di 15.000 bambini

D66: diritto all’istruzione per un gruppo dimenticato di 15.000 bambini

L’estensore della legge è Paul van Meenen, parlamentare, che da anni si batte per il diritto all’istruzione. Ma poiché i ministri dell’istruzione non stanno andando avanti e il campo dell’istruzione è più contrario che cooperativo, non decollerà. “E così io stesso ho fatto una legge che regola davvero il diritto all’istruzione”, dice Van Meenen: “Ogni bambino ha il diritto di svilupparsi, ogni bambino può svilupparsi e questo rende possibile questa legge”.

Secondo il deputato, oltre 6mila bambini sono stati esonerati dall’obbligo scolastico: “I genitori sono stati avvertiti: tenete il vostro bambino a casa, non vi verrà la multa per essere sfuggito all’obbligo scolastico. Ma ci sono anche migliaia di bambini iscritti, ma che non vanno affatto a scuola.

Van Meenen: “Pensa ai bambini disabili, ai bambini dotati. O ai bambini in cui si presta troppa poca attenzione a ciò di cui il bambino ha bisogno e dove diciamo: ciò che abbiamo non è adatto al bambino. ‘bambino, peccato. Lo trovo impossibile .’

Perseveranza

Nel suo disegno di legge, Van Meenen introduce l’ufficiale di apprendistato. Questa persona incaricata avrà il potere di trovare una soluzione per qualsiasi bambino che non entra nel piatto della scuola. E questa soluzione deve quindi essere attuata dalla scuola. L’ufficiale insegnante ha un potere di perseveranza.

“Quel funzionario deve sedersi con tutte le parti coinvolte per organizzare l’istruzione. Sinistra o destra. Ciò significa che a volte è solo in parte a scuola, può essere in un istituto privato, può essere un istituto di cura, in parte a casa, può può essere digitale. Tutto è possibile, è la scuola che deve svilupparlo e il rettore che lo dovrà imporre.

READ  L'Italia paga i ritardi di consegna

giornata persa

Van Meenen invierà presto la sua legge al Consiglio di Stato, il più importante organo consultivo della Camera dei Rappresentanti e del Gabinetto. Questo consiglio emetterà un parere sulla legge, dopodiché potrà iniziare il dibattito alla Camera dei Rappresentanti e al Senato. Van Meenen si augura, soprattutto in questa Giornata internazionale dell’infanzia, che ciò avvenga in fretta, perché “ogni giorno in cui questa legge non è in vigore è un giorno perso per i bambini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *