João Almeida sferra il primo colpo

João Almeida sferra il primo colpo

grida João Almeida tagliando per primo il traguardo della sedicesima tappa del Giro d'Italia.  ImmagineGetty Images,

grida João Almeida tagliando per primo il traguardo della sedicesima tappa del Giro d’Italia.ImmagineGetty Images,

Quattro favoriti hanno iniziato questo Giro il 6 maggio a Fossacesia, ma il più grande concorrente, Remco Evenepoel, ha dovuto ritirarsi dopo un’infezione da corona. Rimanenti: Geraint Thomas di Ineos, Primoz Roglic di Jumbo-Visma e João Almeida degli Emirati Arabi Uniti. Quindici tappe hanno evitato il confronto, ma nell’ultima salita di martedì non hanno più potuto evitarlo.

Il fatto che Roglic puntasse sia alla vittoria di tappa che alla maglia rosa di leader è stato evidente per tutta la giornata. I suoi compagni gialloneri guidano il gruppo alla caccia del solito gruppo in fuga. Gli ultimi sono stati catturati a più di 8 chilometri dalla fine.

Iniziativa per Almeida

Successivamente, fu soprattutto Almeida a prendere l’iniziativa. Il portoghese è stato finora considerato il terzo cane che potrebbe scappare con la zampa se Thomas e Roglic litigassero. Martedì lui e la sua fortissima squadra hanno dimostrato di essere in grado di vincere il Giro. “L’ho detto dall’inizio”, ha spiegato Thomas dietro la sua maschera nella consueta breve intervista dopo il traguardo, “Almeida è forte e la sua squadra è forte”.

Almeida ha vinto l’emozionante tappa dopo uno sprint con Thomas, che ha vinto la rosa per la seconda volta in questo giro. ‘Benema anche una vittoria di tappa sarebbe stata bella”, ha detto il veterano britannico, che giovedì compie 37 anni. Non ha osato lasciare che si riducesse a un duello sprint, ha detto, perché la velocità diminuisce, il che sarebbe stato in favore di Roglic, che non riusciva a tenere il passo con entrambi.

Considerando il lavoro svolto da tutti i corridori della Jumbo-Visma per il loro leader, Roglic è stato decisamente deludente. Era l’unico con un compagno di squadra negli ultimi chilometri, Sepp Kuss, quindi è riuscito a limitare la perdita a mezzo minuto. Ma lo sloveno improvvisamente sembrava vulnerabile.

Tuttavia, questo Giro è caduto nel giro con i primi tre della tappa di martedì nella netta top-3 della classifica generale. Thomas, Almeida e Roglic distano meno di mezzo minuto con il numero quattro Damiano Caruso che segue a quasi 3 minuti.

Unica vittoria della prima tappa

Da quattro anni Almeida ha mostrato fiducia nel Giro, ma martedì il corridore ha ottenuto solo la sua prima vittoria di tappa. “A volte sono stato così vicino in quei quattro anni.” Nel 2021 un podio a Milano era realistico, ma Almeida ha perso tempo prezioso all’inizio di questo Giro d’Italia perché ha dovuto assistere il suo allora leader della Quick-Step, Evenepoel. Per il belga, invece, il turno è arrivato troppo presto dopo la riabilitazione, come poi si è scoperto.

“Ora lotterò per la vittoria assoluta”, ha detto il leader degli Emirati Arabi Uniti, che è a soli 18 secondi dalla rosa di Thomas. Non è molto con due tappe di montagna molto impegnative e una cronoscalata ancora più dura da affrontare in questo lungo Giro.

READ  si ricomincia il 20 febbraio! Programmi, TV, streaming - OA Sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *