Juve, doppietta per Agnelli: fissa la partita per il futuro di CR7, poi Donnarumma | Nuovo

La visita di Mino Raiola a Torino apre diversi scenari per il futuro dei bianoneri

Durante Andrea Agnelli e Cristiano Ronaldo si sono dati appuntamento all’inizio di maggio per decidere insieme cosa fare, per ricominciare insieme o se separarsi con una calda stretta di mano, la programmazione della Juventus non si ferma certo al futuro del campione portoghese. In questo senso, la presenza di ieri a Torino ha fatto molto rumore Mino raiola che dopo Barcellona e Madrid continua il suo pellegrinaggio europeo, fermandosi anche a Campo base della Juventus. Connessione immediata con Gigio Donnarumma, la perla più preziosa nelle mani del potente agente italo-olandese, ma non va dimenticato che anche la squadra di Raiola capisce Federico Bernardeschi, Matthjis De Ligt e Luca Pellegrini, per non parlare di Moise Kean, Alessio Romagnoli e Paul Pogba.

C’è così tanto da dire, quindi. Forse non direttamente, almeno non con Andrea Agnelli, ma sicuramente con i dirigenti della Juventus. Gli argomenti più scottanti? Sicuramente lo scambio Bernardeschi-Romagnoli con il Milan, così come l’ipotesi di portare a casa Moise kean dopo due anni trascorsi tra Inghilterra e Francia, dove ora sta andando molto bene con il PSG. Nulla, però, che porti ad un immediato cambiamento nella situazione di Paul Pogba. Tranquillo poi anche davanti a De Ligt.

Ma, inutile dirlo, l’argomento più scottante, quello che sicuramente emoziona di più i fan, è quello che riguarda Gigio Donnarumma: sì, il portiere milanese, che tra poco più di due mesi sarà libero di sposarsi dove vuole a meno che non abbia una firma, di cui per il momento non c’è segno all’orizzonte sul rinnovo del contratto in scadenza con i rossoneri . Gigio è interessato e come è interessato, per un po ‘, per anni. Piuttosto, c’è chi assicura che la Juve voglia iniziare con lui il nuovo ciclo, investendo milioni e milioni sui suoi preziosi guanti. Raiola chiede un’assurdità di impegno, parliamo di almeno 12 milioni all’anno: queste cifre che il Milan non vuole e di certo non può accadere, La Juve invece pensa di potercela fare. E lui vuole farlo. Per questo non rinnoverà con Dybala ed è per questo che il futuro di Cristiano Ronaldo, con i suoi 31 milioni di stipendio, è tutt’altro che certo. Il resto, soprattutto Kean, verrà dopo. In effetti, prima c’è Donnarumma.

READ  MotoGP, Valentino Rossi: "Arrabbiarsi è inutile, ma non riesco a stare meglio"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *