‘La battaglia non può essere vinta così’: Soldato morale russo in Ucraina imbronciato e arrabbiato

Il morale delle truppe russe non è mai stato così male come oggi, ma in realtà non è stato buono dal primo giorno dell’invasione dell’Ucraina.

Ai soldati russi che hanno visitato l’Ucraina all’inizio di quest’anno è stato detto che erano lì per esercitazioni militari. Improvvisamente erano nel mezzo di una guerra.

Ci vorranno solo pochi giorni

“Gli è stato detto che avrebbero liberato l’Ucraina dai neonazisti e che ci sarebbero voluti alcuni giorni”, ha detto la corrispondente russa Eva Hartog. “Ma ci è voluto molto più tempo del previsto e gli ucraini hanno offerto molta resistenza e non hanno aspettato affatto il rilascio. Molti soldati hanno sentito di essere stati attirati in Ucraina con false pretese”.

Questo è successo anche al soldato professionista Kirill (nome presunto), che una volta ha combattuto in Ucraina. Racconta alla piattaforma indipendente russa Meduza: “Mi sono reso conto che noi eravamo gli occupanti, eravamo i fascisti (…) Tutti questi villaggi distrutti a Kharkov. Mi sono reso conto che in realtà stavamo distruggendo un paese. con la sua popolazione civile.

Putin è un idiota

Già in quelle prime settimane molti soldati si resero conto che quello che stavano facendo era sbagliato. Il New York Times recentemente pubblicato conversazioni telefoniche intercettate che i soldati russi hanno avuto con amici e parenti a casa a marzo.

Si sono lamentati di errori tattici, mancanza di equipaggiamento, forniture insufficienti e feroce resistenza ucraina. Hanno ammesso di aver ucciso civili e saccheggiato case. Hanno criticato i loro comandanti. E su Putin.

Sette mesi dopo, il morale prende un nuovo colpo. Perché i russi stanno affrontando un’enorme avanzata dell’esercito ucraino.

READ  "Jihadi Ringo", ultimo membro della cellula IS "Beatles", condannato negli Stati Uniti

Diario di guerra del disertore

Inoltre, l’esercito russo non si prende esattamente cura dei suoi soldati, secondo un rapporto dettagliato del disertore russo Pavel Filatyev. Ha scritto un diario di guerra di 141 pagine. La sua unità si accampò all’aperto per un mese, senza docce e cibo normale. Poi furono mandati in guerra, conquistarono Kherson e poi si avventarono su tutto ciò che era commestibile.

Filatyev scrive anche della mancanza di comunicazione all’interno dei militari, che i soldati non sanno cosa fare quando attaccano e devono capire tutto da soli all’ultimo minuto. Filatyev dice di essere stato ferito e alla fine è tornato in Russia. Da allora è fuggito in Francia

“Sbagliato con l’esercito”

Si dice spesso che la Russia abbia il secondo esercito più potente del mondo. Ma questo risulta essere piuttosto deludente. “Sapevamo già che l’esercito non era particolarmente gentile con le sue reclute e che c’era molta corruzione tra i comandanti, ma ora stiamo scoprendo sempre di più quanto sia grave la situazione con l’esercito russo”, ha detto Patrick Bolder, specialista della difesa a L’Aia, Center for Strategic Studies.

“L’allenamento non è così buono, i sistemi d’arma non sono così buoni, la motivazione non è buona, le condizioni di vita non sono buone, il cibo non è buono. Influisce sulla tua morale”.

All’inizio di agosto, un soldato russo vicino a Luhansk si è rifiutato di combattere ancora perché sentiva che il suo comandante stava prendendo decisioni strategiche che riteneva completamente sbagliate. Fu incarcerato e trasferito in una scuola dove erano detenuti almeno altri 80 soldati per essersi rifiutati di combattere.

READ  Il grande bluff di Ungheria e Polonia

La mobilitazione sarà inutile

Per cambiare le cose, il presidente russo Putin ha annunciato una mobilitazione di 300.000 riservisti a settembre. Ma sono scarsamente addestrati, scarsamente equipaggiati e devono fornire loro stessi parte della loro attrezzatura, come un kit di pronto soccorso.

La corrispondente Eva Hartog: “Le denunce si riversano sui social. Inoltre: queste persone non si sono arruolate nell’esercito, non vogliono combattere. Ci sono ancora molti russi che pensano che sia una missione di liberazione, per questo gruppo è da sorprendersi di ciò che troveranno”.

Le possibilità che finiscano come carne da cannone sono alte. Anche per i soldati esperti, il rischio è alto. “Moriranno tutti, questo non è un esercito addestrato”, ha detto il soldato professionista Kirill. “Mi sono allenato bene, sono andato volontariamente in Ucraina e ho scoperto di non essere ben preparato, dopotutto. Il primo giorno mi sono reso conto di aver commesso l’errore più grande della mia vita”.

mai vincere

La motivazione è il fattore più importante in una guerra, afferma l’esperto di difesa Patrick Bolder. “Hai la componente fisica, qual è il materiale e la manodopera, la componente cognitiva, cosa puoi farci, quanto sei allenato e la componente morale. Se la motivazione non è buona, non vincerai mai”.

Brutte notizie per i russi. E non puoi semplicemente riguadagnare quella motivazione. Bolder: “Stavo solo guardando i biglietti, è davvero un casino per i russi, stanno perdendo una sconfitta dopo l’altra. E non aiuta nemmeno il tuo spirito combattivo.

La motivazione è qualcosa che gli ucraini hanno in abbondanza. Combattono per la sopravvivenza del loro paese, mentre molti soldati russi sono principalmente motivati ​​a sopravvivere.

READ  Nuova indagine su Partygate: Johnson ha ingannato il Parlamento?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.