La bizzarra rivolta su Twitter si conclude con Musk che si scusa con l’uomo licenziato

La bizzarra rivolta su Twitter si conclude con Musk che si scusa con l’uomo licenziato

La bizzarra conversazione è iniziata quando il dipendente islandese di Twitter Haraldur Thorleifsson ha chiesto ai social media se fosse ancora impiegato. Più di una settimana fa, improvvisamente non è riuscito ad accedere a Twitter, ma nessuno lo aveva informato che era stato licenziato. Per nove giorni ha cercato di scoprire cosa stesse succedendo attraverso il dipartimento delle risorse umane, ma nessuno poteva rispondergli, scrive Il guardiano.

Ecco perché Thorleifsson ha deciso di chiedere pubblicamente al capo di Twitter Elon Musk se fosse ancora impiegato. Ne è seguita una bizzarra conversazione, durante la quale Musk ha posto all’islandese ogni sorta di domande e lo ha accusato di usare la sua disabilità per raccogliere fondi.

Ecco il primo tweet dell’islandese a Musk:

Thorleifsson soffre di distrofia muscolare ed è su una sedia a rotelle. È entrato a far parte di Twitter nel 2021 quando quella società, che all’epoca non era ancora di proprietà di Musk, ha acquistato la sua startup. In Islanda è stato elogiato perché non è diventato molto ricco dall’oggi al domani, ma è diventato un impiegato di Twitter e quindi ha pagato più tasse al governo islandese.

‘Errore di calcolo’

“Che tipo di lavoro hai fatto?”, ha chiesto Musk, tra gli altri. E poi il boss di Twitter ha scritto di Thorleifsson: “Questo ragazzo non ha fatto nulla al lavoro, ha detto che era a causa della sua disabilità, ma può inviare un tweet dopo l’altro qui”.

Mentre la conversazione continuava, secondo quanto riferito Thorleifsson ha ricevuto un’e-mail che lo informava che era stato licenziato. Ieri sera tardi, Musk si è scusato. “Vorrei scusarmi per il mio fraintendimento della situazione. Mi sono state dette cose che si sono rivelate false”.

READ  investirà 20-30 milioni. Come funziona il rimborso - Corriere.it

Ecco le scuse di Musk, che hanno fatto seguito a una lunga conversazione:

“Il motivo per cui ti ho contattato pubblicamente è che tu (o qualcun altro su Twitter) non hai risposto ai miei messaggi privati”, ha scritto l’islandese a Musk. “Avevi tutto il diritto di licenziarmi, ma sarebbe stato carino se me lo avessi fatto sapere.”

Thorleifsson dice che vuole aprire un ristorante a Reykjavik ora che ha perso il lavoro su Twitter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *