La cantante di “House for Sale” Margriet Eshuijs (70 anni) è morta

La cantante di “House for Sale” Margriet Eshuijs (70 anni) è morta

Di tutte le canzoni che Margriet Eshuijs ha cantato nella sua lunga carriera, ce n’è una che ha sempre fatto più impressione: la ballata “House for sale” con la quale raggiunse la quarta posizione nella Top 40 nel 1975. È diventata un vero e proprio classico , quindi è invariabilmente nella Top 2000 di Radio 2. Il record è anche in quella lista questa settimana, al numero 1519.

Margriet Eshuijs è morta giovedì all’età di 70 anni. Soffriva di cancro da diversi anni e quindi non appariva spesso in pubblico.

Veniva da Zaandam, dove i suoi genitori gestivano una scuola di musica e un negozio di musica. Lei stessa sapeva già suonare la fisarmonica all’età di tre anni. Successivamente furono aggiunti tutti i tipi di chitarre e un organo. E all’età di dieci anni ha iniziato a cantare in un gruppo fondato da sua madre. Attraverso varie altre band Zaanse, alla fine finì con il gruppo Lucifer, che nel 1973 ebbe l’opportunità di fare un disco. La canzone non è stata un successo, ma ha portato a tutti i tipi di lavoro in luoghi inaspettati, dalle navi da crociera agli strip club, descritti da Margriet Eshuijs come “musica divertente”.

Relazione interrotta

Due anni dopo, la loro etichetta discografica si imbatté in ‘House for sale’, scritto da un duo americano, che non divenne un successo in America. Un numero decente per Lucifero, pensarono. E così la storia di una relazione interrotta ha preso piede grazie al timbro disperato di Margriet Eshuijs e al discreto accompagnamento della band (con poi il presentatore televisivo Henny Huisman alla batteria). Il produttore alle prime armi Hans Vermeulen è stato chiamato per la produzione, il cui suono blues si adattava perfettamente alla canzone.

READ  Domenica In, Mara Venier in tensione con Lucarelli, Venier "Selvaggina, lo so ..." e Lucarelli ha risposto "Marona, è un insulto" - Baritalia News

Margriet Eshuijs nel 1975.

Foto ANP/Kippa

Lucifero divenne rapidamente un’attrazione di successo. Seguirono presto diversi successi, come “Scarlet lady” e “I can see the sun at the end of December”, anche se nessuno di loro raggiunse la popolarità di “House for sale”.

Dopo cinque anni, Lucifer ha deciso di smettere. Margriet Eshuijs si sentiva esausta, ha poi detto in un’intervista con NRC: “Mi sono vista nelle foto più tardi. Dapprima come una ragazzina radiosa dagli occhi lucidi e ora di cinque anni con una pessima permanente, vestita da una stilista che non si ricordava di se stessa e con un viso gonfio di dieci anni in più.

Più o meno al di fuori del circuito di successo, ha poi continuato con la sua Margriet Eshuijs Band, che si concentrava principalmente su spettacoli in teatri più piccoli. Insieme a suo marito Maarten Peters, ha anche scritto un nuovo repertorio che aveva più a che fare con generi come il blues e le canzoni rispetto alla musica pop attesa di Lucifer. Hanno anche fondato la loro casa discografica, in modo che potessero prendere tutte le decisioni in modo indipendente.

“Per me è tutta una questione di musica, ed è per questo”, ha detto a NRC. “Non per il glamour, non per il successo, non per lo status. È uno stile di vita. Vivo la musica. E sono sempre stato me stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *