L’uomo vuole capire tutto, ma di conseguenza si perde qualcosa di fondamentale

L’uomo vuole capire tutto, ma di conseguenza si perde qualcosa di fondamentale

Il teorico della cospirazione britannico David Icke è convinto che i rettili alieni governino il mondo e che un’élite malvagia (ebraica) controlli le corde geopolitiche. Sospetta che il virus corona sia stato portato nel mondo apposta e che l’11 settembre sia stato un… lavoro interiore usato per essere. E probabilmente pensa anche che questi rettili siano pedofili e mantengano un’intera rete. Sembra troppo bizzarro per le parole – e lo è – ma sono tentativi di spiegare la caotica scena mondiale. E si stanno diffondendo, data la popolarità di Icke. Secondo Mordechai Krispijn, uno degli organizzatori dell’illustre manifestazione dello scorso novembre durante la quale Icke avrebbe dovuto parlare, è interessante proprio per questa voglia di interpretare: “Già negli anni ’90 parlava della guerra tra Ucraina e Russia, ha predetto tutto questo. È affascinante pensarci. Come è possibile una cosa del genere?”

Questo fascino per la spiegazione dell’inspiegabile non è sorprendente. In effetti, questo bisogno è l’aspirazione centrale dell’uomo moderno, afferma il sociologo Hartmut Rosa nel suo libro Non disponibilità. Vogliamo conoscere, comprendere, capire, scoprire, prevedere, calcolare, controllare e utilizzare tutto ciò che ci circonda, in una sete infinita di crescita. Nelle parole di Rosa: cerchiamo di rendere disponibile il mondo (tradotto anche come “gestibile”). L’uomo moderno si relaziona al mondo in modo “aggressivo”. Spogliamo il mondo, spogliamo il mondo della sua finezza, della sua magia e della sua inspiegabilità. Un atteggiamento che ha un effetto di “reificazione”. Come scriveva il sociologo Max Weber all’inizio del secolo scorso, il progresso tecnologico ha provocato un “disincanto del mondo”. Una teoria che Rosa sviluppa con entusiasmo. Secondo Rosa, la lente del pensiero disponibile è lo strumento ideale per comprendere l’uomo moderno e le sue crisi. Gli esseri umani vogliono spiegare il loro ambiente, vogliono creare ordine dal caos.

READ  NASA: Incontra il team di astronauti del programma Artemis, Target Moon

Rosa trova questo desiderio ovunque: dagli smartwatch ai progetti di energia nucleare. Chi ha mai pensato all’ossigeno nel sangue durante una normale giornata lavorativa finché un orologio non ha iniziato a farlo per noi? E mentre sfruttare l’immenso potere della fissione nucleare può sembrare il massimo dominio della natura, in realtà abbiamo poca idea delle conseguenze a lungo termine e dei potenziali pericoli dell’energia nucleare.

mondo innevato

Leggi anche Questa intervista con Arjen van Veelen sulla riflessione sull’efficienza

Se dipende da Rosa, i nostri incessanti tentativi di rendere il mondo gestibile sono la ragione per cui ci siamo allontanati dal mondo e gli uni dagli altri. Il mondo (tardo) moderno è un mondo morto, trasformato dall’uomo in un insieme di oggetti da controllare e sfruttare. Questo atteggiamento di malleabilità ci ha fatto progredire tecnologicamente, ma questo modo di vedere il mondo non ci permette di “sviluppare un buon rapporto profondo con la vita”. Le cose che contano davvero non possono essere fatte o controllate. ‘[A]È solo nell’incontro con l’indisponibile che nasce la sensazione che siamo vivi, che siamo toccati e vissuti veramente. Rosa prende la neve come esempio: non puoi costringerla a venire, non puoi crearla o controllarla, non puoi nemmeno trattenere la neve senza che si sciolga in mano. Ma tutti conoscono quella sensazione di svegliarsi con la bellezza silenziosa e senza tempo di un mondo innevato. Quando apri le tende quella mattina e senti che ti succede qualcosa, “risuoni” con l’ambiente circostante, secondo Rosa. “Forse è per questo che così tante persone lo desiderano, e non solo a Natale.”

Nella sua opera magnum Risonanza (2016) descrive già che risuonare con qualcosa è l’opposto di avere qualcosa. La risonanza è l’atteggiamento che ci permette un rapporto profondo con la vita. come uno fulmine, un’opera d’arte o un brano musicale – cose che riguardano principalmente la risonanza. Ma proviamo anche ad avere quello: gli algoritmi di Tinder e Spotify provano persino a rendere disponibile l’amore e la musica. Pensa alle playlist personalizzate di Spotify che ti presentano altri artisti, ma alla fine ti tengono nella tua bolla musicale. La dinamica conflittuale tra disponibilità e risonanza alla fine porta alla nostra alienazione.

READ  Scuola, via libera ai test antigenici rapidi come strumento di prevenzione

Invece di voler controllare il mondo, dovremmo “ascoltare, rispondere” e credere che il mondo sia “conforme”. Ma cosa significa? E, soprattutto, come ci si può finalmente armare contro l’alienazione del mondo moderno? Rosa parla di “relazioni e dimensioni di risonanza” astratte, armi nucleari e cambiamento climatico, ma non va oltre le lacrime agli occhi quando guarda un film, la pelle d’oca quando ascolta una canzone o si innamora all’istante.

contro il disincanto

Sfortunatamente, Rosa risponde solo in parte alla domanda su come prevenire il disincanto. In ogni caso, non ci si sofferma abbastanza in questo libretto e il lettore rimane finalmente con delle domande. Mi chiedo anche quanto sia innovativa la sua teoria sociologica. Alla fine, sembra aver riunito per questo libro un insieme di elementi della teoria dell’alienazione di Marx, del disincanto di Weber e dell’analisi del neoliberismo di Foucault. Inoltre, troppo spesso corrisponde a quanto scrive, ad esempio, Arjen van Veelen nel suo libro Rotterdam trasforma la parola tabù neoliberismo in “pensiero efficiente”. E nelle sue osservazioni sul pensiero di mercato traboccante, puoi anche sentire le voci di scrittori come Ilja Pfeiffer, Bas Heijne, David Graeber e Yuval Harari. Restano però il suo linguaggio chiaro, il suo approccio scientifico e precisamente il tono generale del suo lavoro. All’improvviso vedi tutto alla luce del conflitto disponibilità-risonanza.

Quindi puoi guardare al caso di David Icke nella contraddizione fondamentale di Rosa. Icke infatti ha il terrore di non sapere e della complessità del mondo e cerca di spiegare tutto attraverso cospirazioni. A Icke è stato rifiutato l’ingresso nei Paesi Bassi in quanto “pericolo per l’ordine pubblico”. Nella mente di Rosa, potresti anche pensare a questo feedback come a una forma di riflessione sulla disponibilità. Un frenetico tentativo di evocare le idee di Icke, di dominarle – qualcosa che ha avuto anche l’effetto opposto in quanto si è solo messo di più sotto i riflettori.

READ  Variante Delta, Chrysantis: “Urgente vaccinare tutti e subito. Basta cure analfabete”

Essere in grado di lasciare che le cose seguano il loro corso, a quanto pare è qualcosa in cui non siamo bravi. Come impariamo a fidarci del mondo (e delle persone intorno a noi)? Penso che inizi con il coraggio di non sapere, di non controllare, di non fare. Non fare qualcosa è spesso più difficile che farlo. Cerca di perdere deliberatamente una partita di sasso-carta-forbici. È difficile almeno quanto cercare di vincere la partita. Non è altro che una questione di caso e coincidenza. David Icke farebbe fatica con quello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *