La città canadese di Lytton, dove all’inizio di questa settimana è stata registrata una temperatura record di 49,6°C, è stata distrutta da un enorme incendio

Mercoledì, le poche centinaia di residenti di Lytton, una città della Columbia Britannica nel Canada sudoccidentale, sono state costrette a fuggire dalle loro case a causa di un enorme incendio scoppiato nella zona. Ancora sconosciute le cause dell’incendio, ma nei giorni scorsi Lytton era stata colpita da un ‘ondata di caldo eccezionale che aveva colpito diverse regioni del Nord America. In poche ore, la maggior parte degli edifici di Lytton furono distrutti fiamme.

All’inizio di questa settimana, Lytton ha registrato temperature di 49,6 °C, un record per il Canada, e mercoledì i residenti sono stati avvisati di un incendio che era iniziato appena a sud. Eppure è questo che ha devastato la città un altro fuoco, che è stato segnalato circa un’ora dopo la sua conflagrazione: a causa dei forti venti, l’incendio si è diffuso così rapidamente che non ha nemmeno dato alle autorità locali il tempo di avvertire ufficialmente i residenti. Diversi video e testimonianze dei residenti di Lytton stanno circolando sui social network che affermano di aver preso rapidamente le cose essenziali dalle loro case e di aver lasciato la città il prima possibile, in mezzo al fumo e alle fiamme. In totale, più di mille persone sono state evacuate dalla regione.

Mercoledì, il governo della British Columbia ha annunciato che nella provincia erano stati segnalati 486 decessi improvvisi nei cinque giorni precedenti per cause legate al caldo estremo: generalmente nello stesso periodo dell’anno, la media dei decessi registrati è di 165.

– Leggi anche: La grande ondata di caldo in Nord America

READ  Assalto al chiosco del Movimento 5 Stelle a Milano, ricerche di quattro No green pass: sono indagati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *